17 metri quadrati di specchi per questa foto che spezza in due cielo e terra

Johansson

Erik Johansson lo ha fatto passato in più occasioni dal blog ed è uno di quei fotografi surrealisti che cerca l'idea di avere un impatto sull'ambiente per lasciarci stupiti da tutto ciò che gli passa per la mente e la creatività per catturarlo in una serie di catture epiche che faranno il giro del mondo, proprio come loro fare. seguendo queste linee.

Ancora una volta abbiamo l'opportunità di presentare il suo nuovo lavoro e progetto che ha gli specchi come «pennelli». Ed è che non sono solo pochi, ma 17 metri quadrati è l'estensione di tutti quegli specchi che posizioni in modo appropriato per offrire un'altra prospettiva o guardare prima della tua fotografia.

Questo è stato l'ultimo lavoro che è successo lungo queste linee da Johansson. Ha il suo stile inconfondibile come una grande missione che la nostra mente dubita davanti a quello che vede cercando quella stranezza irrimediabile sul nostro viso quando mettiamo gli occhi su quel nuovo pezzo artistico sotto forma di una fotografia strana e molto creativa.

Johansson

Un maestro della manipolazione nell'arte E che questa volta gli ci sono voluti mesi per creare e utilizzare più di 17 metri quadrati di specchi. La fotografia utilizza sia effetti reali che fotoritocco per produrre quel risultato finale che fa sembrare che il mondo sia diviso in due dalla verticale attraverso il cielo e la terra.

Nel suo ultimo progetto, ha deciso Erik filmare scene video per fornire il tuo aspetto e la tua visione delle tue esperienze artistiche. Come dice, ha pensato che fosse divertente condividere il processo e mostrare quanto grande lavoro ci sia dietro ognuno di quei pezzi.

Hai il video proprio qui in modo che rimarrai perplesso dalla passione di questo artista per la manipolazione fotografica che sicuramente ci lascerà di nuovo sorpresi nel suo prossimo progetto che porteremo su queste linee.

hai Su web, il tuo Facebook y il suo instagram.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.