13 suggerimenti tipografici che ogni designer dovrebbe prendere in considerazione

 

Suggerimenti per la tipografia

La tipografia è il pilastro che supporta qualsiasi design. Una buona copertina vale poco se il file tipografia del libro è quello sbagliato, se non è stata curata la sua dimensione, se la gerarchia non è chiara, se il lettore si stanca quando guarda le pagine.

Si sei interessato alla tipografia da qui vi incoraggio a leggere il libro di Enric Jardí intitolato 22 suggerimenti per la tipografia, un punto di riferimento nel settore. In effetti, questo post si basa in parte sulle informazioni che vi vengono esposte in modo didattico e divertente.

13 suggerimenti per la tipografia

  1. Usa 2 caratteri

    Bastano, non servono 6 (potrebbe essere ammesso solo nei poster, ad esempio).

  2. La tipografia trasmette anche

    Non è la stessa cosa usare Times New Roman (elegante ma volgare) di Helvetica (universale e troppo blando, forse), o Courier New di FF DIN. Prova che ciò che la tipografia trasmette vada secondo il messaggio che sta catturando.

  3. I tuoi caratteri non hanno un bell'aspetto a nessuna dimensione

    Ogni carattere tipografico è progettato per una dimensione specifica. Di regola possiamo sapere che le lettere per corpi piccoli hanno uno scheletro più largo e c'è meno differenza di altezza tra lettere maiuscole e minuscole; inoltre, le zone più sottili sono spesse. Un esempio potrebbe essere il Nimrod, che è brutto su corpi grandi ed è molto leggibile su corpi piccoli.

  4. Stai attento con le lingue

    Stai progettando un libro, selezioni un carattere che abbia accenti, punti interrogativi e punti esclamativi, ñ ... Dopo 4 mesi ti dicono che devi fare un'edizione speciale per un paese arabo. Quel ragazzo ha i personaggi di cui hai bisogno? Questo è qualcosa di molto importante da tenere in considerazione in questo tipo di lavoro, che può essere ampliato. Per evitare di correre rischi, usa i migliori venditori del carattere tipografico e assicurati che, se ne hai bisogno, puoi acquistare il pacchetto di caratteri che corrisponde a te.

  5. Il corpo non è uguale alle dimensioni

    Un Adobe Garamond Regular a 11 corpi e un Helvetica Neue dello stesso corpo, non hanno le stesse dimensioni. Infatti, se usiamo entrambi nello stesso testo in singole parole, vedremo che i nostri occhi devono saltare per leggere l'Helvetica Neue. Per abbinare le dimensioni, è meglio "regolare a occhio" prendendo come riferimento la X di ogni carattere. In questo caso, lasceremo l'Adobe Garamond Regular in mischia 11 e ridurremo l'Helvetica Neue in mischia 8'4.

  6. Consegna i tuoi font alla stampante

    È molto facile che in processo di stampa lascia che la nostra tipografia sia sostituita da un'altra. Per evitare ciò, la migliore (nel caso di InDesign) è l'opzione Pacchetto (File> Pacchetto); e in caso contrario, crea un PDF e invia anche il file del font corrispondente utilizzato (se ne usiamo due, poi due). Certo: controlla molto bene la licenza dei tuoi font, poiché se non ti permette di consegnarli alla stampante, commetterai un'illegalità.

  7. NON modificare un tipo

    Non condensarlo, non espanderlo. Non allungarlo. Inoltre, non utilizzare il falso grassetto, il falso corsivo o il falso maiuscolo. Stai distruggendo anni di lavoro da un professionista che si è dedicato anima e corpo a disegnare e ridisegnare ogni lettera quarantamila volte.

  8. Prenditi cura delle gerarchie

    Deve essere assimilato con naturalezza e capire fin dal primo sguardo qual è la prima intestazione, la seconda, la terza ...

  9. Usa un rack di base (se vuoi)

    Questo ti darà una composizione più regolare, poiché le righe di testo saranno alla stessa altezza.

  10. Riduci la spaziatura e l'interlinea nei titoli

    Se usi caratteri di grandi dimensioni, è consigliabile farlo a occhio.

  11. Tieni d'occhio l'interlettura di titoli e intestazioni

    Regolare nuovamente il tracciamento e la crenatura in modo che non ci siano differenze negli spazi bianchi.

  12. Presta attenzione all'ortopografia

    Quali citazioni usare? Come scrivere una citazione di un libro? Una buona lettura (altamente consigliata) per imparare tutto questo è il libro intitolato Ortotipografia per designer, di Raquel Marín Álvarez (a 19 € da Gustavo Gili).

  13. Finestra di divisione e giustificazione: una questione di tentativi ed errori

    a evitare orfani e vedove, questo pannello InDesign è della massima importanza. Modificando i valori che compaiono in esso, possiamo ottenere blocchi di testo formati meglio. Il trucco? Non c'è, tutto è questione di buon occhio e il processo di prova-errore. Tirati su!

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

5 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Chris Wolf suddetto

    Ottimo consiglio, ^ _ ^

  2.   Octavio suddetto

    Solo un commento: al punto 6 direi "invia i tuoi font alla stampante ... se la licenza lo consente. In caso contrario, è illegale. Il resto è un buon consiglio.

    1.    Lua louro suddetto

      Buon punto Octavio, completa subito il punto 6;)

  3.   GUERRA DEI SANTI suddetto

    Mio Dio, »Times New Roman (elegante ma volgare)» ho già perso la voglia di leggere il resto sinceramente mi lascia molto a cui pensare ...

    1.    Lua louro suddetto

      Ciao Santos!
      Spero che il commento su Times New Roman non ti abbia infastidito. In realtà, ho condiviso la stessa opinione che Enric Jardí espone nel libro 22 Tipografia Suggerimenti (su cui si basa questo post). Ovviamente è un'opinione personale e soggettiva con la quale potresti non essere d'accordo.

      Quello che succede a Times New Roman è che, finché è stato utilizzato, ha "perso il suo fascino". Succede con tutto ciò che viene ammirato e apprezzato tanto da essere utilizzato sistematicamente ovunque, un po 'come è successo con Helvetica ... Ma l'ho già detto, sono opinioni totalmente soggettive.

      Ti incoraggio a continuare a leggere il post, poiché puoi essere d'accordo con qualche altro punto :)

      saluti