Arteterapia e mandala: come essere creativi può aiutarci a superare lo stress

Monaci buddisti e mandala

«Tibetan monaci complete not a mandala» di davdenic è sotto licenza CC BY-NC-ND 2.0

Non c'è dubbio che i mandala siano di moda ma cosa sono veramente? Qual è il suo significato?

Si dice che I monaci buddisti in Tibet raffigurano queste figure geometriche circolari con una sabbia densa tinta con pigmenti naturali, creata dalla frantumazione delle pietre. Usano vari strumenti per formarli con precisione, impiegando settimane. Questo processo fa loro tenere a mente l'idea del qui e ora. Un'opera artistica intricata che distruggeranno una volta terminata, ricordando così che tutto nella vita materiale è temporaneo, ha un inizio e una fine. Quando viene distrutta, la sabbia viene riportata alla sua origine, in particolare a un fiume, a simboleggiare il ciclo della natura.

Ma la figura del mandala va ben oltre. Le forme concentriche non sono state rappresentate solo dall'induismo e dal buddismo, sono anche caratteristici di altre religioni e popoli, come nel caso dei mandorla e delle coccarde del cristianesimo, dei chacanas dei popoli andini, dei simboli celtici, ecc. Perché questa tendenza a rappresentare strutture concentriche?

Secondo il famoso psicologo svizzero Carl Jung (1875 - 1961), il mandala è così frequentemente creato dall'essere umano perché è una tipica forma di archetipo, cioè un modello o un'immagine arcaica universale che deriva dall'inconscio collettivo. Il cerchio è un simbolo di perfezione e totalità, rappresentando sempre un centro e una periferia che viene creata dal centro. Quindi, tendiamo a eseguire mandala per la regolazione della nostra psiche. Cioè, per calmare la mente ansiosa e dispersa, il disegno di questo tipo di schemi provoca una forma di riorganizzazione e focalizzazione del pensiero, calmando così le emozioni.

Mandala colorati

"Moleskine10" di Hello Angel Creative è concesso in licenza con CC BY-NC-ND 2.0

Questa idea del mandala come percorso geometrico verso la tranquillità interiore è usata da molti psicologi oggi.

L'attuale concetto di Art Therapy è notevole. Questa terapia rientra tra quelle note come Arteterapie (Arteterapia, Danzaterapia, Musicoterapia, Terapia teatrale ...), che si basano sull'utilizzo del processo creativo in uno specifico intervento con finalità terapeutiche, evolutive, riabilitative, educative e obiettivi a lungo termine e così via. La cosa importante di queste terapie non è nel risultato, ma nel processo. Come nel caso dei monaci buddisti, è un modo per riconnettersi con il momento presente, oltre a una modalità di espressione emotiva e conoscenza di sé.

Mandala di pittura

«Arteterapia e infanzia» di cultura social è sotto licenza CC BY-NC-ND 2.0

Nel caso dell'Arteterapia, Le arti plastiche sono utilizzate in questi processi creativi. È molto comune creare mandala durante le sessioni, oltre a colorarli. È più che studiato che il processo creativo genera molteplici benefici in chiunque lo pratichi, essendo un forte riduttore di stress. Una forma di meditazione alla portata di tutti.

E ora che vogliamo impazzire disegnando mandala, da dove iniziamo?

Ti consiglio di far volare la tua immaginazione, di prendere una penna o un pennarello e partire da un centro. Da lì crea strati man mano che le figure vengono in mente. È importante non ossessionarsi per la perfezione e lasciarsi trasportare quando si disegna. Una volta creato puoi colorarlo con i colori che preferisci, utilizzando matite, pennarelli o la tecnica che più desideri. Il risultato ti sorprenderà e sarà una tua creazione esclusiva. Nel caso non ti piaccia disegnarli, puoi comprare un libro (c'è una folla) e rilassati colorandoli. Un altro modo per godersi i mandala è la semplice osservazione di loro, di tutte le loro forme e connessioni. Per ispirarti, ci sono grandi artisti attuali che si dedicano alla pittura di mandala. Navigando in Internet possiamo trovarne migliaia.

Inoltre, puoi analizzare più a fondo quale significato ha il tuo mandala in base ai colori che hai usato. Anche l'effetto che il colore produce negli esseri umani è stato ampiamente studiato.

Cosa aspetti per iniziare a disegnare mandala?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   toñi suddetto

    La verità è che devi essere così concentrato quando lo dipingi da non poter pensare ad altro, e quando lo finisci, produce la soddisfazione personale di quanto sia bello.