Come progettare correttamente la versione monocromatica di un logo

dc-logo-monocromatico

Il design di un logo va oltre il piacere estetico o l'agilità visiva. La funzionalità, l'adattabilità e la versatilità della nostra proposta sono ingredienti essenziali di cui dobbiamo tenere conto quando si lavora alla progettazione di un logo. Uno dei test implacabili che un design deve superare è la sua facile conversione e incursione in qualsiasi ambiente grafico e supporto, ma per questo abbiamo bisogno di avere versioni alternative del nostro design che siano perfettamente impiantate e allo stesso tempo siano riconoscibili e mantengano le caratteristiche della versione originale. Oggi parleremo del versione monocromatica di un logo e come possiamo lavorarci.

In questi casi la versione monocromatica o monocromatica (di un solo inchiostro) è l'opzione più appropriata che non dobbiamo confondere con la versione in scala di grigi sin dal primo eliminiamo ombre, sfumature e transizioni cromatiche mentre la seconda le mantiene anche se in scala di grigi. Ma come hai già visto in più di un'occasione, il design della versione monocromatica può diventare un compito più complesso di quanto sembri. Soprattutto in progetti più o meno complessi e composti da effetti diversi come bagliori, gradienti o spazi negativi, la proposta risultante può presentare diverse varianti e bisogna scegliere quella di maggior successo. L'obiettivo è quello di fornire un design piatto alternativo in un unico colore ma allo stesso tempo riconoscibile e facilmente associabile alla versione standard.

Seguendo la mano dei nostri colleghi di brandemia esamineremo alcuni casi in cui lo sviluppo e la progettazione di queste versioni richiede strategie e trattamenti differenti. Senza dubbio, il contenuto più utile e illustrativo per tutti coloro che stanno iniziando con il design.

Quando il nostro logo originale ha effetti di volume

Gli effetti di profondità possono essere trattati in una versione monocromatica utilizzando il taglio per separare le diverse strutture di nostro disegno o creando superfici impregnate di linee per delimitare quella zona più profonda. Qui vi lasciamo con alcuni esempi di come questi problemi sono stati risolti. La verità è che non esiste un modo definito o concreto per affrontare ogni situazione: ogni designer ricorrerà alla tecnica che ritiene appropriata, quindi è interessante che prima di metterci al lavoro diamo uno sguardo ad alcune storie di successo:

 

dc-logo-monocromatico logo_texas_farm_bureau_monochromatic

logo-rio2016_monochromatic monocromatico-prossimale-logo

Trattamento di loghi che originariamente sono strutture tridimensionali

In queste occasioni perdere sfumature e dettagli è quasi inevitabile ma possiamo sempre lavorare sul nostro nuovo design in modo che sia facilmente identificabile e mantenga quelle caratteristiche essenziali. Poi vi lascio con alcuni esempi in cui la figura è delimitata ma indipendentemente dagli effetti tridimensionali.

a1_logo_monocromatico_0 logo_univision_monochromatic Come catturare progetti che presentano un'elevata dose di dettagli

Sebbene non sia usuale, ci sono disegni che presentano una grande profondità e un trattamento abbastanza dettagliato, in queste occasioni dobbiamo scartare tutta la componente ingannevole e fare a meno di ciò che è ridondante e che invece è impossibile determinare in una versione sviluppato sotto un unico inchiostro. A seguire, le soluzioni a cui sono ricorsi alcuni grandi marchi in questo tipo di situazioni. Sebbene venga soppressa una grande quantità di dettagli, dovresti sempre cercare di rendere riconoscibile il risultato.

 

 

moton_salt_logo_monochromatic

logo_firefox_monochromatic

logo-cricket-australia_monochromatic

Cosa fare con la luce?

Cosa succede quando l'essenza del nostro logo è un elemento incandescente, una sorgente luminosa o un flash? È possibile mantenere questo effetto utilizzando un solo inchiostro? Certo che no, ma possiamo sempre ricorrere ad alternative che proteggano il significato e la logica del design originale. Nella maggioranza assoluta dei casi non ci sarà altra scelta che eliminare gli effetti, ma si potrà sempre mantenere il messaggio facendo uso delle forme e della loro forma schematica in modo che si capisca che sono sorgenti luminose e che sono elementi. importante nella composizione e nel concetto.

 

logo_australia_monochromatic geniova_logo_monochromatic

 

Disegni con aree trasparenti e semitrasparenti

La trasparenza è una risorsa stilistica che sta diventando sempre più comune nel design del logo perché fornisce profondità e qualità visiva in modo molto semplice, anche se quando si tratta di creare corrispondenze con il design monocromatico può essere più complesso. Di seguito propongo alcuni esempi in cui questi effetti sono stati trattati dalla sovrapposizione di strati, anche se come negli altri casi dipenderà da ciascun designer, possiamo ricorrere a forme e strategie diverse a seconda dei casi e del nostro stile.

 

logo-swisscom-monocromatico logo_bt_monochromatic

fonte

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.