Cos'è il design brutalista?

Design brutalista

Fonte: Grafico

Ci sono progetti che si misurano in base alla loro psicologia astratta, ve ne sono altri che si misurano per la buona composizione e distribuzione degli elementi grafici. Ce ne sono altri che, invece, tendono ad avere molto boom a causa dello squilibrio che si mostra nella scena.

Per decenni, il design è stato una delle tendenze artistiche più criticate. Questo fenomeno ha portato molti designer a dare per scontato un design completo o un anti design completo. In questo post vi mostriamo qual è una delle altre correnti che non conoscevate e che è carica di forme, colori ed espressioni che non tutti capiscono.

Abbiamo iniziato.

Design brutalista: che cos'è?

Origine del design brutalista

Fonte: Pamono

Il design brutalista o anche chiamato brutalismo, è definito come una sorta di movimento estetico che contiene alcune funzioni e soddisfa alcune aspettative, ecco da dove prende il nome ed è anche definito utilitaristico.

Per farvi comprendere meglio questa corrente alquanto peculiare, il suo obiettivo principale è quello di ottenere una visione anti-decorativa del design e si espone e si manifesta a favore delle materie prime utilizzate per costruire i progetti. E sicuramente ti chiederai in quale stile aveva molto più risalto, perché Era certamente nell'architettura degli anni '1950 fino agli anni '1970. Quello che pochi non sanno è che attualmente è riemerso dalle sue viscere ed è diventato virale nel moderno settore del design digitale.

E perché oggi gli è stata data così tanta importanza?Beh, perché è una delle correnti che più visivamente ha attirato l'attenzione dei suoi spettatori. Espone ciò che è necessario per potersi differenziare dal resto e così via lo rende uno stile freddo e duro.

caratteristiche principali

Le caratteristiche del brutalismo sono solitamente visive, questo fatto lo rende uno stile così diverso e difficile da assimilare. A differenza delle altre, le correnti artistiche si sono sviluppate secondo il loro predecessore. Nel brutalismo sono passati da un mezzo all'altro. Cominciamo:

  • L'esposizione dei materiali: ha un suo stile, che è l'architettura, e non ha alcun rapporto con i media online.
  • Usano toni monocromatici derivati ​​​​dal grigio, bianco e nero.
  • È definito come uno stile funzionale e incompleto o nudo poiché il design, l'artistico e il bello non si adattano ai suoi standard.
  • Gli elementi modulari e la loro ripetizione sono molto importanti.
  • I pezzi sono solitamente articolati insieme con bordi rettilinei. Inoltre, questi pezzi non vengono modificati o manipolati.

Design brutalista: origine

architettura brutalista

Fonte: Arcigiornaliero

La storia di questa corrente così peculiare diciamo così inizia attraverso la distruzione, per loro siamo ambientati negli anni '1940 e con essa la fine della seconda guerra mondiale. Durante questo periodo, molti degli edifici del Regno Unito giacevano e sono mostrati completamente crollati e in rovina.

Il paese in generale ha bisogno di ricostruire il monumentale disastro, ma deve farlo il più rapidamente possibile poiché ha bisogno di fornire alloggi per i suoi vicini e edifici governativi dove poter mettere in ordine un paese che era stato completamente devastato, a tutto questo è si unisce anche una carenza di materie prime.

In un altro luogo troviamo l'Unione Sovietica, un paese che sta modellando e costruendo edifici. Per questo, si stanno preparando a costruire uno stile di case prefabbricate che si chiamano Khrushchyovka, alcune case realizzate con materiali a basso costo e identiche ad altri modelli precedenti. Questo stile architettonico mira ad allontanarsi dalla borghesia e dal lusso e riflettere l'uguaglianza sociale comunista.

Questo stile si diffonde nuovamente nel Regno Unito, creando edifici come la Hunstanton School, City of Westminster Smithson Square, la Torre Balfron e il Teatro Nazionale. E anche nel resto del mondo con l'Alumni Memorial Hall dell'Illinois Institute of Technology, la Perth Concert Hall in Australia, la Robarts Library di Toronto.

Così è nato questo movimento.

Anni dopo

La grande popolarità di questo nuovo stile ha portato con sé grandi conseguenze, compreso il regime totalitario. Vale a dire, l'uso di materiali e risorse come grandi tele monocromatiche ha reso questa corrente una corrente incolore e imponente.

La fine di questo movimento arrivò negli anni '70, ma fino ad oggi ha lasciato grandi monumenti storici di grande interesse sparsi in tutto il mondo.

Il design brutalista nell'era digitale

L'era digitale

Fonte: Design Shack

Molti anni dopo la fine del brutalismo del design nella progettazione architettonica, è stato introdotto un nuovo aspetto o mezzo, l'era digitale. Con lo sviluppo e l'evoluzione tecnologica, questa corrente era presente nelle interfacce digitali.

Attualmente questo movimento, introdotto nell'era digitale, si è allontanato da ogni materiale fisico o grezzo e ha mantenuto una radice che deriva dall'autenticità e da una costruzione molto più efficiente.

Il brutalismo nel web design è sempre stato funzionale. Uno dei siti web più ricorrenti è il famoso Craigslist. Ciò che molti designer non sanno è che una volta che utilizzano risorse semplici e utili, concentrano questo stile nei loro progetti e lavori.

Le caratteristiche rispetto a quelle dello stile architettonico sono state molto pronunciate nella tipografia e nelle diverse varianti colore. A differenza dei precedenti, non sono più monocromatici.

Brutalismo: attualmente

Oggi il brutalismo è tornato alle sue radici architettoniche. Nell'era digitale, è consentito visualizzare uno schermo vuoto in cui sono nascoste trame e colori. Tutte le modifiche vengono soppresse e vengono visualizzati i caratteri digitali e le immagini quadrate.

Brutalismo e grafica

Nella progettazione grafica

Fonte: milmetricks

Il brutalismo nella progettazione grafica era presente grazie al suo precursore, lo stile svizzero o anche conosciuto come lo stile internazionale. Uno stile molto importante negli anni 50. Questo stile è noto per la sua obiettività e razionalità nei suoi design. Per questo motivo si sono avvicinati ad aspetti più funzionali e si sono allontanati da quello artistico.

Ecco perché è stata data molta importanza al contrasto tipografico e alle linee ordinate, oltre all'uso di forme geometriche semplici e rotonde, caratteri audaci, retini mezzetinte, fotografia di spazi e trame di materiali dall'architettura.

Designer o artisti

Tommaso Dantoni

Fonte: Tommaso Danthony

Tommaso Dantoni

È un grafico e illustratore nato in Francia ma residente a Londra. Da quando ha vinto il premio Handsome Future, è venuto a dimostrare di essere uno degli illustratori più promettenti e talentuosi. I suoi clienti sono i più potenti: M&C Saatchi, Microsoft, Nokia e Little White Lies. Fa parte dello stile di design brutalista e mantiene le radici dello stile svizzero grazie alle sue forme geometriche.

Il suo lavoro contiene spesso una narrazione arricchita da un uso intelligente dell'illuminazione che consente alle immagini di raccontare una storia e di far riflettere lo spettatore.

Ernest Keller

Ernst Keller è nato nel 1891 ad Aarau, in Svizzera. Ha studiato arte e letteratura e durante la sua carriera di designer ha realizzato poster per il Kunstgewerbemuseum di Zurigo, per vari enti di beneficenza e numerosi loghi araldici.

Il suo lavoro di designer è molto apprezzato anche nella tipografia e nella progettazione grafica in architettura. Ma, se Ernst Keller è fondamentale per qualcosa, è per il suo lavoro di insegnante e per l'incredibile influenza che ha avuto sui suoi numerosi studenti.

Nel 1918 Keller iniziò a insegnare design e tipografia presso la rinomata Kunstgewerbeschule (Scuola di arti applicate) di Zurigo, dove continuò fino al suo pensionamento nel 1956, dopo aver insegnato per decenni ai giovani designer che svilupparono lo stile svizzero negli anni '50. Ernst Keller è considerato il padre dello stile svizzero, poi conosciuto come lo stile tipografico internazionale.

Ciò è dovuto al gran numero di studenti di Keller che in seguito hanno plasmato e reso popolare questo stile di design. Il contributo di Ernst Keller allo sviluppo di principi didattici innovativi nella formazione alla progettazione gioca un ruolo fondamentale. È stato infatti l'ideatore di uno dei primi programmi di formazione sistematica per la progettazione grafica al mondo.

I suoi molti anni di insegnamento tra il 1918 e il 1956 hanno portato a designer molto diversi. Tra questi ci sono i protagonisti della nuova veste grafica come Richard Paul Lohse, Josef Müller-Brockmann e Carlo Vivarelli o vari talenti dell'illustrazione artistica come Heiri Steiner, Lora Lamm o K. Domenic Geissbühler, e designer innovativi come Hermann Eidenbenz o Gerard Miedinger.

 Max Bill

È stato uno degli artisti più completi e versatili del nostro tempo. Riconosciuto come un genio universale, ha lavorato tra le altre cose come architetto, pittore, scultore, designer, insegnante e politico. Durante tutta la sua vita tutte le discipline sono state unite, non c'era una netta separazione tra l'arte e le altre attività, tutto faceva parte della stessa idea globale.

Nacque nel 1908 a Winterthur, una cittadina operaia vicino a Zurigo, dove andrà a studiare oreficeria alla Scuola di artigianato. prima di iniziare i suoi studi nel 1927 al Bauhaus, dove insegnavano figure del calibro di Vasili Kandinsky, Paul Klee, Josef Albers, László Moholy-Nagy e Walter Gropius. Bill resterà due anni a Dessau, durante i quali assimila gli insegnamenti della scuola e definisce le linee generali del suo lavoro.

Conclusione

Se sei arrivato così lontano, spero che tu abbia imparato da questo riassunto che ti abbiamo mostrato. E cosa ti occupi di architettura o dell'era digitale?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.