Cos'è la flessografia?

imballaggio

Fonte: Totalsafepack

Le arti grafiche sono state molto introdotte nel mondo del graphic design. Così tanto che la stampa è entrata a far parte del 50% del totale nei pezzi di un progetto di design.

In questo post vi spieghiamo cos'è la flessografia, un tipo di stampa molto utilizzato in ogni packaging design e non solo, ma fa anche parte del settore pubblicitario e del marketing. Un modo per comunicare la nostra azienda e progettarla in modo più serio e professionale.

Qui descriviamo il termine flessografia e spieghiamo quali caratteristiche ha.

flessografia

terminologia flessografica

Fonte: Wikipedia

Il termine flessografia o anche conosciuto come stampa flessografica, è uno dei tanti metodi e tipi di stampa che esistono nel mondo della stampa. Ciò che caratterizza questo noto metodo è che impiegano l'uso di lastre in forma di rilievo dove viene stampato su diversi substrati che in questo caso conosciamo come film di poliestere, nylon, metallo, carta, cartone o tessuti, che non sono tessuti.

Questo metodo di stampa ebbe luogo all'inizio degli anni '20 negli Stati Uniti ma apparteneva alla Francia. Dal primo momento rinominata stampa all'anilina dove molto più risalto veniva dato agli inchiostri o ai piccoli pigmenti usati in quel momento. Decenni e anni dopo, fu ribattezzato come lo conosciamo oggi, flessografia.

un po' più di storia

storia della flessografia

Fonte: in corso

Nel 1890 Bibby Baron progettò la prima macchina che consisteva in un cilindro di stampa assistita di torri di colore sul perimetro di un tamburo per stampare sacchetti di carta. La verità è che l'invenzione in quanto tale non ha avuto successo, ma è davvero considerata l'origine della prima macchina da stampa flessografica come la intendiamo oggi.

Pochi anni dopo, nel 1905 viene brevettata la prima macchina flessografica destinato alla stampa di sacchetti di carta, che utilizzavano oli di anilina diluiti in alcol come coloranti. Vent'anni dopo, questo processo era già noto in Germania come stampa su gomma.

Flexografia utilizzata come processo di stampa Fu inventato in Francia nel 1905 di Houleg. È un sistema di stampa ad altorilievo, per cui alcune aree della lastra sono più alte di altre e sono quelle che lasciano la loro impronta sulla carta.

Il sistema è in realtà lo stesso utilizzato dalla tipografia, la differenza sta nelle lastre utilizzate. Mentre in tipografia la lastra può essere più rigida, il materiale utilizzato in flessografia, come suggerisce il nome, è flessibile e gommoso. In effetti, all'inizio il processo era noto sotto il nome di stampa con gomma.

È il metodo più utilizzato per la timbratura di contenitori e pacchi. Negli anni '50 la tecnica sviluppò la stampa con inchiostri a base di alcol e acqua invece di utilizzare quelli tradizionali all'anilina, che erano molto più tossici. Più tardi il utilizzo di lastre a base di fotopolimeri al posto di quelli in gomma, ha significato una rivoluzione nella tecnica.

Macchinari

Nel settore della stampa, sono disponibili tre architetture che differiscono tra loro e che ognuno si adatta alla macchina flexo.

Le principali sono: macchine da stampa flessografiche a tamburo centrale, macchine flessografiche stack e macchine flessografiche in linea.

Queste macchine sono composte da: un rullo anilox che facilita la stampa corretta, un sistema di racla con camera d'inchiostro che fornisce la quantità necessaria di pigmento all'interno del rullo, un cilindro porta piattelli su cui è installato il piatto di stampa, un cilindro di stampa su cui il supporto di stampa riposa mentre la lastra di stampa lo preme e un sistema di inchiostrazione.

Processo

Il processo è molto semplice poiché durante il processo di stampa l'inchiostro viene pompato attraverso il interno della camera d'inchiostro del sistema a racla che abbiamo citato sopra. All'interno di detta camera troviamo due lame che raccolgono l'inchiostro mentre è a contatto con il rullo anilox.

Questo rullo si muove e ruota in modo che la sua superficie venga a contatto con il rilievo delle lastre di stampa che si trovano sul cilindro, trasferendo così l'inchiostro raccolto dalle lame.

Vantaggi e svantaggi

Vantaggi

I vantaggi di questo sistema di stampa sono molto importanti nei supporti o nelle carte assorbenti che competono nel mercato offset.

  • I macchinari hanno un costo inferiore, cioè queste macchine sono abbastanza economiche se le confrontiamo con la stampa offset e hollow, e risultati simili si ottengono in alcuni progetti che vengono eseguiti.
  • Non macchia né lascia segni sul dorso poiché lo è una macchina abbastanza flessibile nonostante il suo altorilievo.
  • Le piastre sono anche abbastanza economiche ed economiche, il che significa che i materiali sono economici ed economici per lavori di piccole e medie dimensioni. Anche così, sono ancora notevolmente più costosi delle lastre offset.
  • Contengono grandi velocità di stampa, che rende il processo ancora più veloce e semplice.
  • C'è una costanza determinante nel colore, ovvero il sistema di inchiostrazione permette di mantenere il controllo del colore durante tutta la tiratura, garantendo la fedeltà della sua riproduzione.
  • La versatilità di poter stampare su supporti assorbenti e non, oltre a poter utilizzare i formati più diversi, permette alla linea di produzione di si adatta a molti diversi tipi di mercati.

Svantaggi

Ci sono pochissimi inconvenienti che esistono nella flessografia, molti di questi sono:

  • Genera un effetto squash che altera l'intonazione e la corrispondenza dei colori.
  • Le basse righe dovute al tipo di lastra utilizzata, fanno sì che la qualità dell'immagine non sia sufficientemente elevata.
  • C'è una deformazione poiché il processo a quattro colori tende ad avere alcune limitazioni.

applicazioni

stampa flessografica

Fonte: Affari

Le applicazioni più note in questo tipo di stampa si riscontrano solitamente soprattutto in diversi prodotti alimentari, cioè in ciascuna delle lavorazioni degli involucri. Ecco perché, come abbiamo accennato prima, il settore del packaging. Questo è il motivo per cui di solito troviamo:

  • Incarto e confezionamento
  • Cellophan o plastica
  • Materiali più complessi come i tetra-brik
  • Contenitori per latte e bevande
  • cartoni ondulati
  • buste
  • imballaggi flessibili
  • scatole pieghevoli
  • Confezione regalo
  • imballaggio multistrato
  • Sacchetti di carta e sacchetti di plastica
  • scatole di carta rigida
  • Confezioni singole come bicchieri e contenitori ed etichette e marchi.

Aziende di flessografia

logo flessibile

Fonte: Rojaflex

diflessibile

diflessibile è una società fondata nel 1995 e con sede a Madrid (Spagna), è un'azienda di successo, che in poco tempo si è guadagnata una reputazione di qualità, costanza, brevi tempi di consegna, alto livello di servizio e costante innovazione.

È un'azienda con una visione chiara e una vocazione alla leadership che basa il suo successo sull'esperienza del proprio personale, e che non disdegna di investire in ottime strutture di lavoro e nelle più moderne infrastrutture.

Esko

Esko ha introdotto HD Flexo nel mondo della stampa flessografica e da allora le aziende si sono allontanate dalla produzione rotocalco. I vantaggi sono troppo belli per essere ignorati: per la prima volta la stampa flessografica rivaleggia la qualità della stampa rotocalco e tipografica.

Atef

È la piattaforma tecnica comune per le aziende flessografiche nazionali e per l'intera catena del valore, fornendo tutti gli strumenti necessari che consentono agli stampatori di svolgere o migliorare il proprio lavoro di aree e settori diversi.

Fornire informazioni e conoscenze attraverso le sue conferenze tecniche annuali, formazione, articoli tecnici, incontri regolari, newsletter mensili e l'appartenenza a FTA Europe, l'Associazione tecnica flessografica, che rappresenta gli interessi comuni dell'industria della stampa flessografica europea.

Fina

Fina ha le sue origini nell'azienda di famiglia Rotocalco Fina, fondata nel 1974, specializzata nella stampa di supporti flessibili per imballaggi di consumo. oggi bene, offre soluzioni avanzate e personalizzate, in rotocalco e flessografia, a primarie aziende alimentari e altri settori.

Inoltre, ha una significativa presenza internazionale, con esportazioni in Germania, Francia, Portogallo e Regno Unito. Innovazione, tecnologia all'avanguardia ed eccellenza di processo, nel massimo rispetto dell'ambiente, sono le chiavi della filosofia Fina.

Conclusione

Se sei arrivato alla fine del post, possiamo solo aggiungere che speriamo tu abbia imparato di più su questa tecnica di stampa che è in uso da diversi anni e ha una storia.

Sempre più aziende scommettono sulla flessografia come principale mezzo di produzione, poiché è un compito molto richiesto in diversi paesi. Inoltre, per molti dei prodotti che acquistiamo e che consumiamo quotidianamente, in ciascuna delle loro confezioni o involucri, è stato eseguito un diverso processo di flessografia.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.