cos'è uno schizzo

cos'è uno schizzo

Sicuramente sai cos'è uno schizzo. Ma la cosa più sicura è che non hai mai considerato l'importanza di questo. Conosci davvero tutti i vantaggi che ti offre? L'hai usato spesso?

Se desideri sapere cos'è uno schizzo, i principali usi che ha e perché è uno strumento molto utile per i progetti vi diciamo tutto.

cos'è uno schizzo

Iniziamo innanzitutto sapendo esattamente a cosa si riferisce la parola sketch. Secondo la RAE, uno schizzo sarebbe:

Progetto o nota generale prima dell'esecuzione di un'opera artistica Schema o progetto in cui un'opera è abbozzata. Breve esposizione delle caratteristiche principali di qualcosa.

In altre parole, potremmo dirlo è una bozza di un progetto che viene realizzato per delineare un'idea e, attraverso di essa, apportare le modifiche necessarie a delineare il progetto e il design stesso.

Caratteristiche dello schizzo

Tra le caratteristiche, e ciò che definisce uno schizzo, possiamo trovare quanto segue:

  • È un schizzo che non è finito. In effetti, è impreciso, incompleto e potrebbe essere stato fatto rapidamente per illustrare un'idea ma senza delinearla al 100%. Ciò significa che il lavoro finale e lo schizzo possono essere molto diversi l'uno dall'altro.
  • E poco lavorato e senza molti dettagli. È una prima approssimazione di ciò che potremmo ottenere realizzando quell'idea.
  • Lo fa a mano libera o con uno strumento, ma sempre molto veloce e poco definito.
  • Puede essere più di uno schizzo. Perché usiamo varie idee e le descriviamo tutte in schizzi.

A cosa serve uno schizzo?

A cosa serve uno schizzo?

Sicuramente, con la definizione di questa parola avrete già un'idea di quale sia l'uso che viene dato allo schizzo. E questo è per progettare, in via preliminare, un progetto, normalmente progettuale.

Ad esempio, per una pagina web sarebbe utile sapere come sarà il tema del web, dove verrà posizionato tutto, ecc. In una copertura si potrebbero definire gli elementi da realizzare; o in un disegno, dare una pennellata dell'idea che ha l'autore.

In realtà lo schizzo diventa il primo passo per trasformare in realtà l'idea che è stata nella tua testa. Diventa così la base su cui inizia il lavoro, sviluppando i prototipi fino ad arrivare al progetto definitivo, più delineato, dettagliato e meglio realizzato.

Tipi di schizzi

Tipi di schizzi

Qualcosa che non molti professionisti sanno è che ci sono diversi tipi di schizzi. In realtà ne esistono tre tipologie, anche se in alcuni casi si parla di altre due. Questi sono:

  • schizzo. È la rappresentazione di un'idea ma con una bozza molto imprecisa, con pochissimi dettagli. È come se fosse uno scheletro dell'idea che hai in mente.
  • Schizzo completo. È un passo oltre il precedente. In questo caso si tratta di uno schizzo con un po' più di dettaglio e soprattutto più precisione. Potremmo dire che è uno schizzo approssimativo ma con più attenzione ai dettagli e vengono utilizzate anche le tecniche e gli strumenti che verranno utilizzati per la progettazione finale.
  • Schizzo fittizio. Ancora una volta, un altro passo. In questo i dettagli e la precisione sono molto maggiori e lo fanno sembrare quasi il risultato finale di quel progetto. In questo caso, ciò che prevale è lavorare con diversi effetti o tecniche per vedere come apparirebbe e quale sarebbe l'opzione migliore.

Altri schizzi che abbiamo trovato sono:

  • Schizzo del ritratto. Incentrato esclusivamente su schizzi di volti dove, a differenza dei precedenti, c'è una maggiore precisione nelle caratteristiche essenziali, anche se lo schizzo e il disegno finale possono differire parecchio.
  • Schizzo di schizzo. Più focalizzato sull'architettura perché oltre ad essere una bozza, contiene misurazioni esatte su come andrà a finire quel progetto.

Come fare uno schizzo

Come fare uno schizzo

Per fare uno schizzo non servono grandi cose. Con carta e matita ne hai più che a sufficienza perché è qualcosa su cui non dovresti fare troppi dettagli. Al massimo, una gomma in caso di errore. Ma, per creare uno schizzo, devi seguire una serie di passaggi.

L'idea

Uno schizzo non può essere creato da zero, perché in tal caso non funzionerebbe. Ad esempio, se ti viene commissionata la progettazione di un'etichetta per un prodotto, non puoi raccogliere e fare uno schizzo se non hai un'idea precedente.

È l'idea che ti dà gli strumenti per iniziare a lavorare. Puoi pensare a come sarà quell'etichetta, se quadrata, rettangolare, rotonda o altre forme. E cosa c'è dentro.

I materiali

Come vi abbiamo detto prima, un foglio e una matita sono più che sufficienti. Ma potrebbe anche darsi che tu preferisca farlo usando la tecnologia. In questo caso è consigliato tavoletta digitale, ti permette di disegnare e questo viene catturato sullo schermo del computer.

Per fare ciò, avrai bisogno di un programma che ti permetta di farlo, come Autodesk Sketchbook o Procreate (quest'ultimo è il più noto), oltre a uno stilo.

la tecnica

Abbiamo detto che uno schizzo è un disegno approssimativo, senza precisione, senza dettagli... Solo un contorno o uno scheletro di ciò che si vuole disegnare.

Ma devi tenere conto della tecnica, perché Non è la stessa cosa fare uno schizzo di un sito web che di un'etichetta, o di un prodotto. O uno striscione.

Le mode, le tendenze, i trucchi di marketing... tutto questo canalizzerà lo sketch per utilizzare una tecnica che sappiamo funzionare. Uno striscione con un motivo a vernice non è normale; un sito Web in cui si abusano di disegni o immagini quando si tratta di una consulenza del lavoro. Capisci cosa intendiamo? Uno deve prestare attenzione al bersaglio, ovvero progettare in base a ciò che il cliente e la concorrenza del progetto possono utilizzare maggiormente a loro favore.

Come puoi vedere, uno schizzo è qualcosa di molto semplice da capire e tutti lo avranno usato in qualche occasione. Ma se sei un grafico o hai una professione in cui devi insegnare ai tuoi clienti varie opzioni, lo schizzo può diventare un buon strumento se sai usarlo bene.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.