Qual è la storia del logo di Google?

Icona dell'app Google

Il logo è un simbolo di identità per l'immagine aziendale di molti marchi., ed è necessario che il suo design sia rappresentativo ed elaborato con grande cura.

Nel post di oggi parleremo del storia del logo google. Possiamo parlare di Google, come uno dei marchi più importanti della scena attuale, dal momento che lo abbiamo presente nella nostra quotidianità, attraverso le molteplici funzionalità che ci presenta nei nostri dispositivi, sia computer che cellulari.

Non tutti sono a conoscenza della storia dietro il logo di Google, da dove viene la sua origine, se ha subito molti cambiamenti, ecc. Ecco perché non è mai troppo, immergiti la crescita e l'evoluzione di una delle più grandi aziende al mondo.

Che cos'è Google?

google tablet

Google non è solo un motore di ricerca, ma contiene molto di più attorno ad esso. È uno dei Le aziende statunitensi più conosciute nel mondo, ed è specializzato in servizi informatici e prodotti relativi a Internet.

Il nome di Google deriva da un termine matematico chiamato "Googol" che simboleggia 10 elevato a 100, è stato chiamato così dai suoi creatori Brin e Page quando hanno iniziato a sviluppare questo motore di ricerca.

Storia del logo di Google

Nell'anno 1997 è emerso quello che è considerato il primo design del logo di Google, logo creato dallo stesso Brin, tramite un programma di editing delle immagini.

Poiché vediamo che il logo di quel tempo non aveva nulla di trascendente, ricorda di più le lettere che possiamo creare attraverso WordArt.

Logo Google 1997

Meno di un anno dopo, nel 1998, viene realizzata la prima riprogettazione del logo, un design in cui il nome della il marchio può essere visto in modo più leggibile e in cui la combinazione di colori era già presente che conosciamo oggi.

Logo Google 1998

Tra il 1998 e il 1999 è stato aggiunto il logo a effetto ombra e punto esclamativo alla fine del nome, più un cambio di colore. Dicono che con questo logo volessero imitare il portale internet Yahoo!.

Logo Google 1999

In quest'ultimo anno, nel 1999, hanno deciso di dare al logo un aspetto più professionale. Questo cambiamento è arrivato di pari passo con il designer Ruth Kedar. Si può notare che il design si basa su una tipografia con grazie e con la stessa combinazione di colori del logo precedente.

Logo Google 1999-2010

Questo logo rimane per molto tempo come immagine aziendale del motore di ricerca, dalla sua creazione nel 1999, fino al 2010.

In quest'anno 2010, il logo subisce a piccola e semplice riprogettazione, ovvero che il carattere tipografico ha uno spessore e un'ombreggiatura più sottile.

Logo Google 2010

Tre anni dopo, nel 2013, il l'effetto ombra scompare mostrando un logo più semplice con uno stile minimalista.

Logo Google 2013

Nell'anno 2014, Google presenta i design che comprendono tutti i suoi prodotti e servizi. Una proposta di design basata su forme geometriche. Google ha corso un rischio e ha cambiato la sua tipografia in un sans serif, un carattere tipografico senza grazie. L'obiettivo di questo cambiamento è essere in grado di adattarsi ai sistemi di telefonia mobile.

Logo Google 2015

Oltre a questa modifica del logo, Google ha introdotto anche un'icona con un ruolo molto importante nella sua applicazione sui telefoni cellulari.

Colori di Google

google

Fonte: L'elenco

Non si può parlare del logo di Google senza fare riferimento all'uso del colore; quelli colori semplici ma affascinanti.

L'uso di questi quattro colori, blu, rosso, verde e giallo, non è stata una decisione casuale, ma la sua scelta è ispirata al gioco di costruzioni Lego.

La storia racconta che il primo computer che Brin e Page hanno usato per lavorare sul loro browser è stato costruito con pezzi Lego nei quattro colori del logo.

Uno dei varianti del logo in termini di colore, compare quando accade un evento tragico o si commemora un fatto importante della storia. Non solo può apparire in una versione monocromatica, ma adatta anche i suoi personaggi comprese le icone dell'evento da commemorare.

Cosa sono i doodle?

Non si può parlare di Google senza fare riferimento al suo famoso Doodles, che ci sorprendono con ogni evento importante nel mondo. Ci sono quasi 2 doodle presentati in tutto il mondo, alcuni dei quali utilizzati solo in un determinato paese a causa del loro tema.

Ad esempio, questa che vediamo di seguito che ci incoraggia a vaccinarci e ad usare la mascherina per salvare vite.

scarabocchio del vaccino

Sono passati più di 20 anni da quando nel 1997 abbiamo incontrato il primo logo di Google, che si è evoluto fino a diventare uno dei marchi leader oggi.

Ha subito sette riprogettazioni, fino a raggiungere un'immagine aziendale semplice, sottile e stretta, oltre alla sua grande versatilità.

Ma non tutte sono buone notizie, Ci sono state anche delle critiche ed è stato detto che il simbolo G che rappresenta Google non era allineato, e non era geometrico, quindi l'azienda non ha creato correttamente l'immagine aziendale che li rappresenta.

Icona di Google

Queste critiche sono state messe a tacere da vari esperti che hanno affermato che lo sono decisioni del tutto intenzionali, poiché, adattando il logo alla griglia di costruzione, la lettera G dà la sensazione di una circonferenza perfetta, anche se non lo è.

Senza dubbio, È uno dei loghi più riconosciuti al mondo, poiché viene visualizzato da milioni di utenti ogni giorno. Google ha saputo adattarsi ai cambiamenti.

Il logo di Google è stato basato nel corso della sua storia su quattro punti principali nel suo design, semplicità, uso del colore, chiarezza e adattabilità. Quattro aspetti rispettati in ciascuna delle sue riprogettazioni.

Google cambierà di nuovo il suo logo? Non possiamo rispondere a questa domanda con certezza, ma tenendo conto del suo background, non risponderemmo al cento per cento no. L'ultima identità visiva che Google ha, quella di oggi, rappresenta ciò che Google è e la sua evoluzione, non è semplicemente un motore di ricerca, ma domina diversi sistemi operativi.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.