Esempi di manuale di identità aziendale

manuale di identità

Fonte: Rusticasa

Ci sono una sorta di cataloghi o manuali che servono a progettare il design di un certo marchio. La fase della corporate identity è sempre più richiesta da molti designer. Ed è per questo motivo che hanno bisogno di un manuale che serva da esempio e che mostri l'intero processo di creazione e progettazione di un determinato marchio.

Esistono molti manuali, tutti progettati per essere funzionali e comunicare un messaggio. In questo post, vogliamo sottolineare l'importanza di questi manuali nel settore della progettazione grafica. Per fare ciò, ti mostreremo alcuni esempi chiari e ti spiegheremo in anticipo quali sono, in modo che quando finirai di leggere questo post, non avrai scuse per non progettarne uno tuo.

Abbiamo iniziato.

Manuale di identità: che cos'è

manuale di identità

Fonte: adn studio

Un manuale di identità aziendale visiva noto anche come manuale ICV. È una sorta di strumento, simile a un piccolo catalogo o brochure, in cui si proietta esclusivamente lo sviluppo di un marchio. È un buon modo o un'alternativa per presentare un determinato design del marchio. È responsabile della raccolta degli elementi principali di cui tenere conto nello sviluppo di un marchio: caratteri, colori, simboli, loghi, cancelleria aziendale del marchio, inserimento del marchio nei supporti pubblicitari o su sfondi fotografici, ecc.

anche Sono inclusi altri aspetti di cui tenere conto, come i valori di un marchio. Con questo elemento offriamo al nostro pubblico la possibilità di conoscerci meglio e capire cosa facciamo e come lavoriamo e comunichiamo. Pertanto, di seguito, abbiamo scritto una serie di caratteristiche che ogni manuale deve tenere in considerazione e deve avere affinché la sua progettazione sia eseguita correttamente e sia perfettamente funzionante con i suoi obiettivi.

caratteristiche generali

  1. I manuali hanno anche lo scopo o la funzione principale di comunicare meglio il messaggio che il marchio vuole offrire. In questo modo risparmiamo tempo nel fare lunghe descrizioni sull'azienda e ci basiamo solo sugli aspetti più importanti e rilevanti.
  2. L'immagine che offriamo al cliente è più professionale e inoltre, ognuno dei nostri clienti può conoscere in prima persona il marchio e vederlo rappresentato in diverse aree. In questo modo siamo riusciti a dare un aspetto più realistico al marchio nel suo insieme.
  3. Grazie alla progettazione di questi manuali, non solo siamo in grado di offrire un aspetto più serio e professionale del nostro marchio, ma facciamo anche in modo che il marchio sia attratto dai nostri clienti e ottenga una migliore valutazione sul mercato. quando progettiamos, stiamo anche posizionando il nostro marchio nel suo settore specifico. Pertanto, è importante prendere in considerazione ciascuno degli elementi che devono essere rappresentati. Ebbene, il cliente prende sempre l'iniziativa ed è colui che apprezza il nostro progetto. Insomma, bisogna avere tutto controllato e ben organizzato, in questo modo chi legge il nostro manuale e lo vede non deve perdersi tra i diversi contenuti.

Elementi di un manuale

manuale icv

Fonte: Joomag

Logo

Il logo è la parte più importante di un manuale. Per fare ciò, dobbiamo spiegare quali elementi sono stati inclusi nel nostro marchio (se presenti). Dobbiamo descrivere in modo dettagliato e non molto esteso gli elementi che sono inclusi e ciò che ciascuno di essi fornisce alla nostra azienda come valori oggettivi.

Durante questa fase del manuale vengono inseriti anche altri aspetti, come le misure corrispondenti del marchio o gli spazi di sicurezza che il nostro marchio avrà quando sarà esposto su altri elementi. Oltre a comprendere le due versioni corrispondenti: la versione orizzontale e verticale.

Tipografia

La tipografia è un altro elemento di cui prendiamo in considerazione quando progettiamo un marchio. Per questo in un manuale è necessario chiarire quale tipografia è stata utilizzata e perché. Quando scriviamo o spieghiamo perché, dobbiamo tenere a mente i valori che questa tipografia denota sul nostro marchio. La personalità e il carattere che offre e la visione che questo carattere avrà rispetto al risultato finale del nostro design.

Vengono presi in considerazione anche aspetti come la presentazione completa della tipografia: con tutti gli accenti maiuscoli, minuscoli, numeri e principali. In breve, spiega perché è stato scelto come carattere tipografico principale del brand.

Colori

Quando si parla di colori ci si riferisce ai valori cromatici o colori aziendali del brand. Come la tipografia, è anche necessario spiegare quali colori sono i principali del brand e quali quelli secondari. Per questo, disegneremo una tavolozza con i colori corrispondenti e possiamo il valore numerico o il codice di ogni colore sia in RGB che in CMYK.

In questa fase si tiene conto anche dell'applicazione del segno sui valori negativi e positivi negativi e sui colori terziari. In questo modo possiamo vedere il marchio esposto su sfondi scuri o chiari.

applicazioni

Un altro elemento da tenere in considerazione sono le applicazioni. Ogni volta che diciamo applicazioni, ci riferiamo a come esponiamo il marchio su altri media. Esistono diversi tipi di applicazioni, ma è normale trovare il marchio su applicazioni i cui sfondi sono fotografici. EIn questa fase vengono presi in considerazione sia gli sfondi chiari che quelli scuri. Il marchio è inserito anche sulla cancelleria aziendale: fogli per lettere e presentazioni, buste americane, biglietti da visita, quaderni o cartelle, ecc.

usi sbagliati

Tra le tante altre fasi, anche gli usi scorretti del marchio devono essere smascherati o rappresentati in modo che gli altri utenti che lavorano con noi sappiano come manipolare il nostro marchio. Per fare questo faremo diversi usi scorretti e li proietteremo nel manuale, alcuni degli usi più peculiari sono solitamente: il colore del marchio cambia con un colore non aziendale o rappresentativo, deformazione del simbolo o del logo, rotazione del marchio, cambio di tipografia non aziendale, cambio della distribuzione degli elementi nel logo, ecc.

Questi sono stati alcuni degli elementi inclusi nel manuale, non sono tutti poiché un marchio è composto da molte più caratteristiche.

Esempi di manuali di identità

Netflix

manuale netflix

Fonte: design G-tech

Anche l'azienda di streaming di maggior successo degli ultimi anni si è trovata con la necessità di progettare un manuale di identità per il proprio brand. Per questo, Netflix scommette con i suoi due colori aziendali: un rosso intenso che dona forza e forza al logo e un nero per lo sfondo che fa risaltare il logo sul resto degli elementi. In breve, un manuale molto suggestivo.

Unicef

manuale unicef

Fonte: pubblicità pixel

Un altro di coloro che si uniscono nella progettazione di un manuale è Unicef. Il fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia ha lavorato per molti anni per diventare l'agenzia più rappresentativa. Tanto che hanno rafforzato il loro marchio, progettando un manuale di identità con l'obiettivo di capire il significato dietro il logo. Per fare questo, hanno avuto i loro principali colori aziendali: un azzurro cielo, un rosa, un giallo brillante, un blu più scuro e un nero. Una serie di colori che differiscono tra loro e che offrono i valori che il brand offre.

Spotify

manuale spotify

Fonte: Pinterest

Spotify è attualmente la società di servizi multimediali di maggior successo. Attualmente più di 5 milioni di persone usano Spotify per ascoltare le loro canzoni preferite. Il marchio è stato anche molto rappresentativo, quindi hanno disegnato un manuale con alcuni dei colori aziendali che il marchio rappresenta: un verde che dà molta vita e significato al brand, un bianco per sfondi scuri e un nero per sfondi chiari che fa risaltare gran parte del logo. Insomma, un manuale che racchiude alcuni degli aspetti di cui tenere conto durante la progettazione di un brand.

Microsoft

manuale microsoft

Fonte: pubblicità pixel

Microsoft è anche uno dei marchi che ha aderito alla progettazione del proprio manuale. E non ci si può aspettare che sarà tutt'altro che colorato, dal momento che il marchio stesso mantiene colori molto vividi nel suo logo: un verde, un blu ciano, un giallo arancio e un rosso. Il manuale raccoglie alcuni degli aspetti più importanti durante la progettazione e lo sviluppo del marchio: colori aziendali, tipografia aziendale, spiegazione dello sviluppo e del design di ciascuno degli elementi visivi e grafici, ecc. Un'eccellente combinazione di design.

Conclusione

I manuali di identità sono sempre più gli elementi protagonisti per rappresentare il brand nella sua interezza. Come abbiamo visto, è necessario e molto importante che un manuale includa ciascuno degli aspetti, che, per quanto piccoli o insignificanti possano sembrare, devono essere rappresentati dietro le pagine.

Abbiamo anche visto che molti marchi hanno offerto un design diverso per i loro manuali. È vero che ogni marchio offre aspetti diversi e una diversa presentazione degli elementi nei loro design, ma ognuno di essi mostra lo sviluppo e il processo di creazione del marchio.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.