Gli sguardi enigmatici dei ritratti di Faiza Maghni

Faiza Magni

L'artista Faiza Magni nato a Orano, in Algeria, è un pittore autodidatta affascinata dall'arte tribale, dalle miniature persiane e dalla pittura contemporanea, ne trae ispirazione per creare le sue opere. Dice di provare "Tradurre attraverso i loro ritratti, la bellezza e la complessità delle donne", simboleggiando nei suoi dipinti la ricchezza dei suoi abiti e accessori, tutti dotati di un aspetto enigmatico, non esente da malinconia, e tutti incentrati su un'espressione astratta. Faiza Maghni risiede e lavora Parigi da più di dieci anni.

Faiza Magni 1

Sono nato a Orano, in Algeria, e ora vivo a Parigi. Questo eclettismo influenza la mia estetica, in particolare la cultura e le tradizioni del mio popolo, una ricca città mediterranea che riflette le influenze delle molte civiltà che hanno occupato: spagnola, ebraica, araba, andalusa, ottomana e francese. Tutto questo ha lasciato il segno, sia nell'architettura, nella musica o nello stile di vita in generale. Nel mio lavoro cerco di trasmettere un certo tipo di romanticismo ispirato alla poesia araba e persiana, prendendo spunto dai costumi e dalle acconciature delle miniature del passato che trovo pieni di finezza e moderazione. Sono anche attratto dai significati simbolici trovati nei gioielli tribali e ho reinventato questo stile nei miei dipinti, come le donne giraffa a collo alto della Birmania e che sono sia un simbolo di bellezza che di crudeltà forzata.

La pittura è stata a lungo un desiderio più o meno inconscio e totalmente oscurato che è diventato naturale in futuro. Affascinato da miniature persiane, calligrafia araba, anche dal arte tribale e della pittura contemporanea, che si ispira al suo lavoro e crea il proprio universo. Faiza cerca di tradurre attraverso i suoi ritratti, la bellezza e la complessità delle donne nei suoi dipinti, dove simboleggiano il ricchezza del guardaroba ed enigmatica espressione del loro guardare. La sua attenzione all'espressione astratta unisce il mondo dei suoi ritratti.

Disegno fin dall'infanzia. Mio padre, un pittore dilettante, mi ha fatto appassionare alla pittura e al disegno. Lo guardavo lavorare, amavo l'odore di inchiostro e carta, beveva nel suo atteggiamento calmo e concentrato. Nel frattempo, mia madre mi ha insegnato ad amare la lettura. Era un'insegnante di francese e aveva una grande biblioteca personale, soprattutto di letteratura francese. Essendo io stesso di natura molto contemplativa, questo mi ha aiutato a sviluppare ulteriormente il mio gusto per le arti. Da adolescente, mi sono interessato anche alla moda. Disegnavo donne in completo come sognavo, come sognavo di diventare uno stilista parigino come Yves Saint Laurent, dato che lui stesso viene da Oran.

Nei miei quadri, l'ornamento esprime atteggiamenti a volte seri, a volte austeri, a volte spensierati, e con altri c'è una certa maestosità. Spesso si crea un'esagerazione per esprimere la mia intensità. A volte la tuta può essere un'armatura impressionante e altre volte una specie di luce che nasconde e lo schermo lo rivela.

Nella mia cerchia più stretta, la pittura era vista più come un hobby che come una professione. Hanno iniziato a prendermi sul serio molto più tardi, quando ho iniziato a esporre il mio lavoro. Se non avessi deciso di andare a vivere a Parigi con mio marito e le mie figlie, penso che non sarei mai diventato un pittore. Troppi conflitti familiari e pressioni sociali in un Paese che amo, ma che sta diventando sempre più conservatore, rende impossibile crescere artisticamente nei limiti dell'assurdo, dove c'è un obbligo imposto alle donne.

Quando ho visto i primi quadri della giovane Baya (Mahieddine), la contemporanea di Picasso, che dipingeva donne così ingenue, selvagge e libere. Ho subito sentito un legame con la forza e la libertà uniche del suo lavoro. Ora mi rendo conto che questo è stato ciò che all'ultimo momento mi ha ispirato a dipingere. Ecco una galleria di immagini incredibili.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.