Come funzionano i livelli in Adobe Photoshop

Padroneggia Photoshop professionalmente Attraverso l'uso di gruppi, livelli e altri trucchi che ti permetterà di migliorare il tuo metodo di lavoro con questo incredibile programma di fotoritocco, realizzando progetti grafici con uno stile di lavoro ordinato e pulito. Questo sistema è essenziale per adattarsi al ritmo di lavoro nel mondo reale.

Lavorare in modo ordinato può essere una delle migliori qualità di un designer quando si entra in un nuovo progetto, individuare rapidamente gli elementi di un disegno senza perdersi tra migliaia di strati può essere il nostro miglior alleato se vogliamo evitare di impazzire quando arriva per individuare quella parte del nostro design che non riusciamo a trovare da nessuna parte. Imparare a lavorare con i livelli debitamente nominati e inseriti all'interno dei gruppi per non perdersi tra di essi. In questo tutorial te lo diciamo come funzionano i livelli in Adobe Photoshop. 

Imparare a lavorare con gruppi e livelli in Photoshop è essenziale per essere in grado di padroneggiare adeguatamente questo programma di progettazione grafica. UN metodologia di lavoro ordinata È un punto positivo ottenere il massimo dai nostri progetti grafici senza perdere la testa perché non lavoreremo sempre con due o tre livelli, in alcuni progetti dovremo lavorare con migliaia di livelli ed elementi che renderanno la vita impossibile se non abbiamo il nostro spazio di lavoro adeguatamente ordinato.

Per iniziare con gruppi e livelli in Photoshop dobbiamo fare i seguenti processi:

  1. Assegna un nome ai livelli
  2. Crea gruppi e dai loro un nome
  3. Contrassegna i livelli più importanti con i colori

La prima cosa che faremo prima di iniziare a creare gruppi e livelli è decidere quanti elementi avrà il nostro design. Ad esempio, se il nostro design ha testo e immagine creeremo due gruppi: uno per il testo e uno per le immagini.

Nell'esempio dell'immagine sottostante possiamo vedere un piccolo diagramma con il parti del nostro design ei livelli e i gruppi che deve avere in modo che lo spazio di lavoro sia ordinato. Un livello per gli elementi di contorno, un livello per lo sfondo e due gruppi per il testo e l'immagine della mano. Facciamo clic sulla cartella che vediamo nell'area dei livelli su crea un gruppo, in seguito facciamo doppio clic per essere in grado rinominalo.

pianificare il layout prima di creare gruppi e livelli

Se vogliamo colorare uno strato quello che dobbiamo fare è cliccare sul livello con il tasto destro del mouse, si aprirà una finestra dove possiamo vederne diversi colori per gli strati. L'ideale in questa parte è mettere un colore in quei gruppi che sono molto importanti nel design, ad esempio, nel design di un libro, di solito metto uno strato di colore nell'area dell'ISBN (codice a barre).

Nell'immagine sottostante possiamo vedere i colori che Photoshop ci permette di mettere.

contrassegnare livelli e gruppi con i colori

Se vogliamo creare un gruppo con i livelli che abbiamo già nella nostra area dei livelli, quello che dobbiamo fare è selezionare più livelli contemporaneamente e quindi creiamo un nuovo gruppo in modo che tutti i livelli dello stesso gruppo vengano automaticamente inseriti all'interno. Questo processo è utile quando abbiamo molti strati sciolti che abbiamo creato durante un lungo processo di progettazione. Immagina un disegno con molte parti: vestiti, corpo, luci, ombre ... ogni parte sarebbe un gruppo e all'interno del livello gruppo molti strati con colori, ombre ... ecc.

Creiamo gruppi con strati all'interno

Una volta che tutti i livelli sono stati denominati correttamente, i gruppi creati e i livelli importanti, saremo pronti a dire che il nostro spazio di lavoro è ordinato in modo professionale. Questo sistema di ordine e pianificazione nell'area di lavoro di Photoshop è realizzato nel mondo professionale del design ogni giorno perché in molte occasioni i progetti grafici saranno toccati da diversi designer e tutti devono essere in grado di individuare le diverse parti ed elementi dei disegni.

Nel mondo dell'editoria, quando diversi designer devono toccare la copertina di un libro, questo processo è essenziale per non perdersi tra livelli e livelli e finire totalmente pazzi quando si tratta di dover apportare modifiche ai disegni.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

bool (vero)