Cos'è la metonimia visiva?

metonimia visiva

Nel mondo del design, le immagini sono gli elementi di comunicazione visiva più importanti per i professionisti, e con coloro che attraverso di loro riescono a trasmettere un messaggio al pubblico.

Affinché questo messaggio permei la società, il le immagini devono essere persuasivo, e trasmettere immediatamente quel messaggio.

Spesso si avvalgono di professionisti del design retorica visiva, poiché è una risorsa preziosa quando si tratta di trasmettere un'idea in modo potente.

In questo articolo parleremo principalmente di metonimia visiva nella progettazione grafica ed elencheremo alcune figure retoriche utilizzate anche nella progettazione.

Cos'è la retorica visiva?

retorica visiva

Per capire nel modo più semplice cos'è la retorica visiva, lo è il modo in cui le cose che vediamo ci persuadono. Ma non è solo il concetto alla base delle immagini, ma anche il modo in cui le si interpreta e si dà un significato a quell'informazione.

Inizia con ciò che vediamo attraverso i nostri occhi e termina con l'interpretazione che gli diamo; è lui percorso tra i nostri occhi e il cervello. In breve, è l'arte di usare le immagini per trasmettere un messaggio al pubblico.

La cosa essenziale per capire la retorica visiva è iniziare con un'analisi dell'ovvio, identificare il messaggio principale dell'immagine che osserviamo. A poco a poco, analizzeremo la composizione in generale e otterremo risposte a domande come, qual è la cosa più sorprendente dell'immagine che abbiamo di fronte?

Una volta che conosciamo gli elementi individualmente, noi analizza la psicologia del colore, l'uso della tipografia e la sua composizione.

Sembra complicato, ma in realtà è tutto il contrario da quando siamo usciti dalla porta di casa la retorica visiva è presente, ad esempio nella progettazione di edifici. E noi, in base alla nostra istruzione, fascia d'età, esperienza, ecc. esso giudichiamo. Ed è questo, dobbiamo tenere a mente che la stessa immagine può significare cose diverse per una persona o per l'altra, a causa della loro cultura, educazione, società, ecc.

Metonimia visiva nel design: cos'è?

metonimia visiva

Capiamo il metonimia come una parola o una frase che usiamo al posto di un'altra a cui è correlata. La metonimia è strettamente legata ad un'altra figura retorica, la metafora.

Le metonimie sono figure usate nel nostro quotidiano in ogni conversazione che abbiamo, così come nel mondo letterario.

Nel mondo della progettazione grafica, la metonimia viene utilizzata quando c'è un trasferimento di significato in modo associativo, cioè sostituire il simbolo con il simbolizzato, l'astratto con il concreto. È nominare una cosa, un'idea o un oggetto con il nome di un altro con cui ha una relazione, che può essere una relazione di causalità o di dipendenza.

Una metonimia visiva nel campo delle arti è intesa come un'immagine simbolica usata per creare un significato più letterale. Il pubblico crea una connessione tra l'immagine osservata e il significato che sorge nella sua mente.

Successivamente vedremo una serie di metonimie visive realizzate da diversi marchi. In cui possiamo vedere come il l'oggetto reale e l'oggetto alluso hanno quella relazione di causa-effetto di cui abbiamo parlato prima. Nella pubblicità, molti marchi cercano una relazione di significato tra loro e l'oggetto mostrato.

Campagna di metonimia visiva

In questo esempio possiamo vedere come l'arancia sostituisce la lattina e invia il messaggio di quanto sia naturale e salutare la sua bevanda.

Campagna di marmellate di metonimia visiva

Questo è un altro chiaro esempio di come il marchio cerchi di sostituire il suo packaging con la frutta, inviando il messaggio che il suo prodotto è naturale e di altissima qualità.

Metonimia visiva di Tabasco

La salsa tabasco americana, attraverso questa immagine e utilizzando la figura della metonimia, fa capire che la sua salsa è la bomba.

Fanta metonimia visiva

Fanta chiarisce le sue intenzioni sostituendo la lingua della modella con una fragola rossa e succosa, dove ci invia il messaggio che il suo sapore è naturale e potente.

Metonimia visiva della Coca Cola

Infine, ci imbattiamo in questa campagna di Coca Cola in cui presenta la sua bibita al gusto di limone. In questa immagine la metonimia si ritrova nel contenuto, in questo caso la buccia di limone per esprimere il contenitore che sarebbe il sapore della bevanda.

Altre importanti figure retoriche nel design

La retorica visiva è composta da varie figure retoriche. e poi andiamo a nominarne quattro tra le più utilizzate nel settore della pubblicità e del design, a parte la metonimia visiva precedentemente analizzata.

metafora visiva

Chema Madoz Metafora visiva

La metafora visiva è intesa come il confronto tra due elementi visivi. Le immagini che vengono confrontate nelle metafore non devono essere messe in relazione tra loro, anche se sono simili.

Uno dei designer più noti per l'uso di questa figura è Chema Madoz.

analogia visiva

analogia visiva

Il punto dell'analogia è creare una somiglianza visiva tra cose diverse, se l'analogia è molto complicata o forzata, il pubblico non la capirà.

iperbole visiva

iperbole visiva

Iperbole visiva o cosa è lo stesso esagerazione visiva per evidenziare un aspetto o una caratteristica del prodotto o servizio offerto.

similitudine visiva

similitudine visiva

La similitudine visiva è abituata creare una connessione tra una caratteristica e un prodotto, in modo che lo spettatore metta in relazione tale caratteristica con detto prodotto. Ad esempio, utilizzare i colori verdi e le immagini della natura per stabilire una relazione tra il tuo prodotto e l'ecologico.

La retorica visiva, come abbiamo visto, è comunemente usata nel mondo della pubblicità e del design. È uno dei strumenti più importanti, con cui comunicare e costruire messaggi visivi in ​​modo originale da lanciare allo spettatore.

Spero che questo articolo ti sia stato di aiuto per comprendere meglio la metonimia visiva e ciò che la circonda. Se hai domande o suggerimenti per migliorare l'articolo, puoi lasciarlo nella casella dei commenti che troverai alla fine di questo articolo. Ci vediamo al prossimo post di Creativos Online.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.