Parti di un logo

Parti di un logo

Il logo è uno dei lavori che, come grafico, ti può essere chiesto di più. Con la proliferazione delle attività online, il logo diventa una parte fondamentale dell'identificazione di un marchio. E chi dice che marchio dice negozio online, azienda, azienda, lavoratori autonomi... Ma quali sono le parti di un logo?

Oggi vi vogliamo parlare di tutto quello che devi sapere sui loghi, da quello che sono ai tipi, parti e altri aspetti fondamentali che devi padroneggiare su di loro.

cos'è un logo

cos'è un logo

La prima cosa che dobbiamo dirti è questa Hai usato la parola logo in modo sbagliato per tutta la vita. Chi studia graphic design sa che quando qualcuno chiede un logo, quello che sta davvero chiedendo è un'identità di marca, o immagine di marca. Cioè, qualcosa che rappresenta ciò che fanno o vendono e che attira visivamente l'attenzione. Ma non è un logo.

Ed è che un logo è a simbolo grafico che sarà correlato a un marchio, un prodotto, un negozio, un'azienda, un'azienda, un progetto, ecc. Ma in quanto tale è solo un simbolo grafico, in particolare una parola con un carattere. Questo è tutto.

Questo è davvero il logo. Ad esempio, Coca Cola è un logo. Zara è il logo. Disney, Kellogg's, Google sono altri esempi. Ma se li guardi tutti, l'unica cosa che hanno in comune è che rappresentano il marchio attraverso un carattere tipografico. Solo quello.

tipi di loghi

tipi di loghi

Sulla base di tutto quanto sopra, abbiamo lasciato molti "loghi" sulla strada. E non perché non lo siano, ma perché sono diversi da quelli che quella parola inquadra. Ad esempio, immagina il logo di Burger King. Questo porta un'immagine, e al suo interno le parole del marchio. È un logo? No. Lo stesso vale per Apple, Starbucks...

Appartengono tutti ad altri tipi di loghi. Specifico:

isotipo

È un simbolo o immagine che permette di riconoscere l'identità di un marchio, attività commerciale, azienda, negozio... solo per quell'immagine, senza bisogno di un testo di accompagnamento.

Esempi di questo? Ebbene, la mela per Apple, la M per McDonald's, Nike… In realtà ce ne sono tante.

Imagotype

In questo caso si tratta di a identità che combina quello che sarebbe il logo con un'immagine o un simbolo correlato.

Ora, ciascuna delle parti del logo differisce l'una dall'altra. Cioè, puoi eliminare il testo o rimuovere l'immagine e avrà comunque senso. Funzioneranno bene insieme o separatamente.

Esempi di questi possono essere Carrefour (dove hanno l'immagine e il testo), Converse, Chanel, Spotify, LG, Adidas...

In questo caso, le aziende possono facilmente giocare con la propria immagine o logo e così possono dare più opzioni per usarli nella pubblicità.

In sintesi, potremmo dirvi che l'isologo è in realtà a combinazione di simboli e parole raggruppate. Ma differiscono dal precedente in quanto questo insieme non può essere diviso perché perderebbe la sua ragion d'essere.

Facciamo un esempio, immagina il logo di Starbucks. Se togliamo il testo, l'immagine da sola non è sufficiente per identificare l'azienda. Più difficile. Pizza Hut, se togliamo il nome, resterà solo con una specie di cappello, ma niente di più.

Nel caso di Harley-Davidson sarebbe lo stesso. Rimuovendo il nome ci rimane uno scudo che simula un segno di scudi proibiti.

Linea di base o linea di fondo

Non sarebbe davvero un tipo di logo in sé, ma piuttosto un accessorio che è incluso con loro. Ma può ancora essere identificato come tipo.

Con questo intendiamo il parole o frasi che accompagnano il marchio sottostante. Questo è un tentativo di descrivere la funzione dell'impresa, un modo per insinuare qualcosa che forse con il marchio non è chiaro.

Esempi di questo tipo? Può essere Baseline (Servizi creativi), SynergyHealth (Il nostro lavoro protegge il tuo mondo), Nokia (Connecting people), Eurovision (Song Contest).

Parti di un logo

Parti di un logo

Avendo visto tutto quanto sopra, possiamo dire che le parti di un logo hanno a che fare con i tipi che esistono.

Ed è che, se fosse solo un nome, per esempio, sarebbe un logo. Elisabet Vidal, Encarni Arcoya, Creatives, Yoigo. Tutti questi sono loghi.

Ora immagina di avere un icona o immagine. Le parti del logo sarebbero:

  • Nome (logo).
  • Icona o immagine (isotipo).

Un esempio? Potrebbe essere la M per McDonald's, o la mela per Apple, l'icona di Instagram, ecc. E sì, questo potrebbe essere considerato un imagotipo o addirittura un isologo.

Andiamo laggiù. Ora immagina un logo che ha un'immagine, un nome e una frase sotto.

Le parti che avresti qui sarebbero:

  • Nome (logo).
  • Icona o immagine (isotipo o imagotipo).
  • Frase di seguito (linea di base o linea di fondo).

Esempi di questo tipo? Bene, Pink Pomelo, Spartan o Elisabet Vidal.

In realtà le parti del logo sono in realtà i tipi che esistono, perché il logo stesso, se ci basiamo sul suo vero concetto, sarebbe solo il nome del prodotto o del marchio e non ci sarebbero più parti della parola stessa che definisce l'identità del marchio.

Suggerimenti per crearli

Qualunque sia il tipo di identità aziendale che vuoi utilizzare, che sia un logo, un isotipo, un imagotipo..., devi avere pazienza per trovare ispirazione. A volte guardare degli esempi può aiutarti a conoscere, a seconda del settore in cui verrà creata l'attività, i colori o i design della concorrenza. Non significa che dovresti copiarli, ma significa sapere cosa è più identificato per queste attività.

Inoltre, dovresti prestare attenzione a:

  • L'originalità. Cioè, creare qualcosa di nuovo che aiuti a distinguersi da tutti gli altri. È vero che implica molta creatività, ma in cambio può rompere i confini e far decollare ulteriormente l'immagine del marchio.
  • Concentrati sugli utenti. È un tema che segna sempre più le aziende, la persona acquirente e l'esperienza dell'utente sono due punti molto importanti che, se riesci a unirli nel tuo design, otterranno un effetto ancora più vincente.
  • Colore e tipografia. Il colore delle immagini, del testo, il tipo di carattere in esso contenuto... I colori stessi possono rappresentare settori, ma anche stati ed emozioni. Insieme a una tipografia adatta puoi trovare il logo perfetto.
  • Fai attenzione. Ciò si ottiene con tutto quanto sopra, ma soprattutto utilizzando design facili da ricordare e semplici, perché in questo modo avrai molte più opportunità di essere identificato.

Dubbi sulle parti di un logo? Chiedici!


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.