Come progettare un buon logo, caratteristiche di base

loghi di creazione

Un logo ben progettato è quello fornisce valore alle aziende, poiché riflette i valori e la filosofia di questi di fronte ai loro clienti e al pubblico in generale, consente loro anche di differenziarsi dalla concorrenza ed è quello avere un logo e con un buon design favorisce il marchio dell'azienda, cioè, il gruppo di rappresentazioni mentali, affettive o cognitive, che uno o più individui hanno in relazione a un'azienda o un marchio.

Come primo passo e per ottenere il logo ideale che si adatta alle esigenze del brand, i clienti devono comunicare in dettaglio allo studio di progettazione grafica ciascuna delle caratteristiche che la loro azienda possiede, quelle del mercato a cui si rivolge e il messaggio che vogliono trasmettere. Successivamente, il designer eseguirà uno studio del concorso e quindi inizierà il processo per creare il logo.

Passaggi per progettare un buon logo

tipi di loghi

Percezione visiva

All'interno del processo di percezione sono coinvolti vari elementi visivi, come le caratteristiche culturali e psicologiche di ogni persona.

Fin dall'inizio il cervello percepisce le forme che favorisce l'impressione della stessa nella memoria; poi i colori stimolano le emozioni e infine il contenuto attraverso il linguaggio che dovranno decodificare.

Ecco alcune funzionalità che ti aiuteranno a ottimizzare il tuo logo.

Vuoi imparare a creare un logo professionalmente? Bene, ora è possibile grazie a questo corso online che è a un prezzo incredibile per un tempo limitato> Accedi al corso

Quali peculiarità ha un buon logo?

buoni loghi

Alleviare

Un logo dovrebbe essere semplice, in modo tale da permettere di riconoscere il marchio che rappresenta solo guardandolo, così sarà più facile ricordarlo, associarlo e poi riprodurlo.

Per rendere più semplice la riproduzione del logo attraverso varie tecniche di stampa o con diverse applicazioni indipendentemente dal fatto che siano mobili o schermi, sarà necessario che applicare il colore è altrettanto facile, cioè, usa solo 2-3 colori.

Devi anche evitare di usare ombre o effetti sfumati.

Sii memorabile

Secondo la RAE, memorable si riferisce a "degno di memoria", Il che si tradurrebbe nel design del logo nel mantenere solo ciò che è veramente necessario, in modo che sia i consumatori che il pubblico in generale possano riconoscerlo.

Tenendo conto che l'unità e l'originalità possono anche creare un logo.

Colore

Il colore può produrre emozioni, rifiuto o attrazione a seconda dell'umore, dell'individualità e del contesto culturale di ogni persona.

Allo stesso modo, influenza notevolmente l'acquisizione di uno o un altro prodotto, ecco perché dovresti studiare attentamente la decisione sul colore che userete durante lo sviluppo di un logo, poiché il colore crea una consapevolezza del marchio che gli consente di essere conosciuto e ricordato all'interno del mercato e promuove anche la differenziazione, che deve essere in accordo con la missione e la filosofia dell'azienda.

Tipografia

La scelta e l'uso corretto della tipografia del logo dipenderà dal fatto che il pubblico lo percepisca o meno in modo migliore. messaggio che il brand vuole trasmettere. Quindi deve essere completamente leggibile, quindi dovrebbe avere dimensioni, inclinazione, spessore e colore appropriati.

Vale a dire, Devono essere utilizzati 2 caratteri massimi diversi Durante la creazione del logo, altrimenti potrebbe creare confusione al pubblico, inoltre, la dimensione del testo deve essere leggibile anche se è di dimensioni veramente ridotte, quindi è necessario scegliere un font che possa adattarsi a diversi formati.

Deve essere versatile

Deve essere un logo facilmente adattabile e riconoscibile indipendentemente dalle sue dimensioni, supporto o applicazione.

Cioè, deve essere utilizzato sia in un grande annuncio pubblicitario sulla facciata di un edificio o come annuncio pubblicitario in una piccola penna e persino deve essere utilizzabile sul web. Quindi i più consigliati sono i loghi vettorialiLoghi molto utili da usare, ma lo spiegheremo meglio in un altro articolo.

 


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

2 commenti, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Ruben DG suddetto

    Robert Wild

  2.   Diego Rueda suddetto

    Sì, buoni apprezzamenti, c'è molto tessuto da tagliare, è una questione molto complessa, dove entrano diversi punti importanti, come la manipolazione delle proporzioni, l'estetica, la distribuzione degli elementi, la loro gerarchia, molti altri sono entrati