Lettere per i segni

Immagine che inizia l'articolo

Fonte: LedBak

Ogni volta che usciamo, siamo invasi dalla varietà di elementi come colori, immagini o anche lettere (caratteri). Quando guardiamo i manifesti o le insegne di qualsiasi stabilimento, ci rendiamo conto della grande varietà di caratteri che abbiamo intorno, eppure non ci siamo mai fermati a pensare cosa siano realmente quelle lettere e quale sia la loro origine.

Se vuoi avere le risposte, in questo post non solo continueremo a farti conoscere il meraviglioso mondo dei font, ma ti spiegheremo anche qual è l'opzione migliore per ogni tipo di etichetta e perché il design ha molto a che fare con esso. .

Iniziamo

Che cos'è un'etichetta?

Un titolo è definito come un testo descrittivo rappresentato in qualche etichetta, documento o anche qualche manifesto. La funzione principale di un'etichetta è quella di avvertire e informare su un argomento specifico. In definitiva, le etichette contengono informazioni che hanno molto a che fare con ciò che si intende etichettare.

Le etichette sono solitamente protagoniste nelle aziende o nei settori lavorativi, poiché sono loro che si occupano di svolgere l'intero processo logistico e la cui destinazione è quella che indirizza il tipo di etichetta, che verrà posizionata sulla confezione in un certo modo.

Con questo processo si ottiene, ad esempio, che il destinatario e il proprietario del pacco ricevano il loro articolo in perfette condizioni e correttamente. D'altra parte l'etichetta assolve anche alla funzione di indicare a cosa serve un qualsiasi articolo, in questo caso prendiamo come esempio l'etichetta di un mobile non ancora montato, questa etichetta informerà l'utente come dovrebbe essere assemblato.

Usi ed esempi

Questi messaggi sono solitamente collocati in aree commerciali situate all'esterno, ma a volte si trovano anche all'interno e completano il loro design con lo stabilimento. Il posizionamento di questi cartelli sarà condizionato dal tipo di attività che abbiamo, ad esempio, se la nostra attività si trova in una strada poco trafficata o isolata, è meglio posizionare un piccolo cartello all'inizio di quella strada in modo che gli utenti sappiano dov'è la tua attività.

Ciò che caratterizza un'etichetta è la brevità e la facile compressione con cui deve andare il messaggio da comunicare, poiché l'utente che condivide lo spazio con un'etichetta deve comprenderne il messaggio e ciò che comunica. Se ci rendiamo conto dell'importanza delle etichette, arriviamo alla conclusione che questo meccanismo di comunicazione visiva fa parte della nostra vita quotidiana, poiché ci individua e ci consiglia.

Esistono diversi tipi di etichette: Insegne al neon, insegne luminose a LED, insegne monoposto, insegne bifacciali o insegne a luce indiretta. 

Successivamente, ci allontaneremo dalle definizioni ed entreremo ancora una volta nel meraviglioso mondo del design senza allontanarci dal tema. E che ruolo gioca il design nelle etichette e nella scelta dei font? Nel prossimo punto te lo spiegheremo.

Comunicazione visiva

Comunicazione visiva nel design

Fonte: alto livello

Chiamiamo etichettatura l'azione dell'etichettatura, ma come facciamo a sapere quale carattere tipografico è il migliore per la nostra etichetta o quali colori sono i più appropriati per la nostra etichetta? Il fatto è che non esiste una pozione magica che ce lo racconti, ma possiamo aiutarci con quello che chiamano i grafici "Strategie di comunicazione" o piuttosto "marketing digitale".

La comunicazione visiva ha come obiettivo principale la trasmissione di messaggi attraverso diversi elementi composti da immagini o simboli. Ciò che rende davvero possibile la comunicazione delle idee. Queste idee devono adattarsi al messaggio e il risultato finale deve essere una corretta comprensione tra l'utente o visualizzatore e l'elemento grafico (caratteri, colori, immagini). Qui non agisce solo la scelta dei nostri design ma come riescono a comunicare in seguito.

Pertanto, ogni volta che progettiamo un'insegna, effettuiamo preventivamente uno studio in cui posizioniamo la nostra azienda, ovvero qui il target di riferimento e i valori che essa rappresenta entrano in contatto.

Allora, cos'è l'etichettatura?

La verità è che chiamiamo etichettatura la linea grafica del disegno, i suoi contorni e la sua gamma di leggibilità dove entrano in contatto la psicologia del colore, la scelta di un font e le sue immagini.

Caratteri

Fonti

Fonte: Odissea

Quando arriva il momento di scegliere i caratteri, abbiamo un numero infinito di caratteri che potrebbero adattarsi perfettamente alla nostra azienda. In questo post, ti mostreremo quelli che si adattano meglio e hanno la migliore leggibilità.

caratteri romani

I caratteri romani sono quelli che contengono grazie o grazie, cioè quei piccoli elementi che troviamo alla fine di ciascuno dei tratti.

Di solito hanno un carattere serio e sono molto tradizionali poiché secondo la loro storia erano i famosi caratteri tipografici disegnati a mano con pietre. Di solito sono adatti per testi lunghi poiché, grazie alla loro forma, si ottiene una lettura perfetta.

Per questo motivo in molte etichette di solito troviamo sempre caratteri come: Times Nuovo romano, Garamond o anche il famoso Prenota Antigua.

Caratteri tipografici sans serif (bastone asciutto)

A differenza dei caratteri tipografici romani, i caratteri tipografici non serif sono quelli caratterizzati dall'assenza di terminali o terminali e le loro linee presentano a malapena contrasti. Questi caratteri sono molto commerciali poiché di solito si trovano nella maggior parte delle etichette progettate.

Ciò è dovuto al fatto che presentano risultati adeguati nelle impressioni del titolo o nel piccolo testo, ovvero nei manifesti e nella pubblicità. Questo stile di carattere si caratterizza in quanto evoca modernità, sicurezza, neutralità e minimalismo.

Sebbene questo tipo di carattere tipografico non abbia quella linea invisibile che i caratteri Serif ottengono per i testi lunghi, è adatto anche per il testo sullo schermo e per i testi di piccole dimensioni. Poiché la sua assenza di terminali e terminali, lo rende più leggibile nei testi piccoli.

Alcuni esempi di caratteri San Serif sono: Futura, Helvetica, Arial, Gotham o Avenir.

Caratteri scritti a mano (corsivo)

Faccio un piccolo paragrafo per dirti che, se non hai ancora letto il nostro post che parla di questo tipo di font, ti consiglio di non esitare a farlo poiché spiega in modo più completo ciò che caratterizza così tanto lo stile.

Detto questo, i caratteri scritti a mano sono anche chiamati corsivo o script. Questi caratteri rappresentano e imitano la calligrafia scritta a mano, questo è il motivo principale per cui possono anche essere nominati come caratteri calligrafici.

Questo tipo di caratteri sono caratterizzati dal contenere una tendenza corsivo o corsivo. Cioè, le lettere sono unite e possiamo vedere che contengono curve più pronunciate rispetto ai caratteri serif o sans-serif.

Poiché evocano e sono uniti alla calligrafia, hanno una personalità un po' più personale e intima. Alcuni caratteri in corsivo potrebbero essere Sceneggiatura Beckham o Parisienne.

Caratteri decorativi o animati

Sono anche chiamati come caratteri animati. Sono considerati font divertenti, più casual, ma possono trasmettere un'ampia varietà di sensazioni, grazie al loro aspetto creativo.

Hanno un carattere e una personalità molto forti. Dal punto di vista della psicologia tipografica, sono caratteri accattivanti e aiutano ad attirare più attenzione. Cioè, la gamma di leggibilità che hanno questi tipi di caratteri è molto più piccola.

Non sono sicuramente i caratteri ideali per i paragrafi di testo, in quanto possono trasmettere una mancanza di cura o disinteresse per il design.

Conclusione

Come abbiamo visto, per progettare un'insegna non basta scrivere ciò che si vuole comunicare, ma bisogna passare attraverso una serie di processi affinché questo messaggio arrivi a una conclusione positiva e, quindi, sia adatto ad altri utenti.

Quando arriva il momento di progettare, possiamo usare molti font, cioè non vogliamo che tu applichi solo quelli che ti abbiamo mostrato, ma per indagare e dopo molti schizzi, puoi raggiungere un risultato finale corretto. Quando vai all'estero, l'importante prima di disegnare un'insegna è guardare bene quello che hanno fatto il resto delle persone prima di te, è la chiave per ottenere le informazioni di cui hai bisogno e allo stesso tempo trovare ispirazione nelle fonti che eri completamente all'oscuro.

Molti brand non hanno solo dovuto disegnare il proprio logo ma hanno dovuto adattarlo secondo la propria area di rispetto e misure corrispondenti, ad uno spazio esterno. Questo spazio è servito ad attirare l'attenzione di chi vede costantemente negozi o esercizi, qualunque sia la loro tipologia: ospitalità, negozi di abbigliamento, supermercati, ecc.

Ora che hai un'infinità di segni intorno a te, è arrivato il momento giusto per te di lasciarti andare e soprattutto di liberare il designer che ti porti dentro. Ricorda, esci dalla tua zona di comfort, visualizza, lasciati ispirare, indaga, fai molti schizzi di percorsi e chiediti se è quello giusto e quali benefici può portare al resto delle persone che lo vedono.

Il tuo momento è arrivato.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.