Storia del marchio

Immagine principale dell'articolo

Attualmente, la nostra società si muove attraverso i diversi marchi che esistono nel mondo. Troviamo marchi ovunque ci troviamo e tutti ci hanno mostrato che sono entrati nelle nostre vite con un compito a portata di mano. Nel mondo della progettazione grafica la parola “branding” è sempre più utilizzata, e non sorprende che sempre più aziende richiedano marchi che rappresentino appieno ciò che vogliono trasmettere.

Molte volte non riusciamo a dimenticare un marchio, forse per la sua buona strategia di marketing o per l'ottimo designer che lo ha creato.

In questo post non vi presenteremo solo il mondo dei brand, ma vi spiegheremo anche come sono sorti, perché sono venuti e sono rimasti con noi per sempre e quali funzioni svolge nella nostra vita quotidiana. Vuoi scoprirlo?

Cos'è un marchio?

Spiegazione di cos'è un marchio

Fonte: Comunità di fan

Prima di presentarti un altro viaggio nel tempo, devi sapere qual è il concetto di "marca". Quando parliamo di un marchio, ci riferiamo a una sorta di icona o segno che ci permette di identificare qual è il segno nello specifico e ci offre informazioni al riguardo. Si intende anche come identificazione commerciale in cui si tratta di promuovere un'azienda insieme al suo prodotto caratteristico.

Un marchio non solo ci aiuta ad apprezzare e saper decifrare ciò che vediamo, ma svolge anche la funzione di differenziarci dagli altri marchi. Ecco quello che chiamiamo il processo di "marchio". Questo aspetto del design grafico offre la creazione di un marchio da zero, dal suo nome al suo aspetto più aziendale. Ecco perché lo conosciamo anche come identità aziendale o immagine aziendale, ma non è lo stesso.

Identità aziendale e immagine aziendale

Quando parliamo identità aziendale, andiamo direttamente al design che viene raccolto dal marchio e che viene rappresentato in quello che chiamiamo manuale di identità. Questo manuale mostra il processo di creazione di questo marchio, insieme a un'analisi e allo sviluppo dei valori e delle convinzioni che compongono l'azienda. In questa fase entra in gioco la rappresentazione di un logo - simbolo, ovvero una tipografia che rappresenti sia il naming dell'azienda che il marchio (logo) e un simbolo o risorsa grafica che rappresenta il marchio nella sua interezza insieme al Logo. All'inizio sembra confuso, ma è sufficiente che tu sappia che il nome del famoso marchio Nike insieme alla sua tipografia è il logo e il suo simbolo è la risorsa grafica che hanno utilizzato.

Immagine aziendale va oltre la presentazione del marchio, poiché è senza dubbio l'immagine totale che il mercato ne percepisce. Ecco con cosa viene in contatto il famoso Marketing. Il marketing svolge la funzione di posizionare il marchio nel mercato, con l'obiettivo di raggiungere il massimo numero di consumatori e ottenere così tutti i benefici possibili.

Ora che sai cos'è un marchio e perché il design grafico è ampiamente introdotto, prepareremo i primi motori per il viaggio.

Abbiamo iniziato!

L'era del 1500: gli inizi

Gli inizi del marchio

Fonte: Hierro Ganadero

Vi sorprenderà, ma il concetto di marchio nel 1500 aveva un significato completamente diverso da quello che conosciamo oggi. In epoca nordica, la parola marchio significava "bruciare" e aveva anche una forma, poiché era una specie di pezzo fatto di legno bruciato ed era l'utensile con cui venivano bruciati gli animali del bestiame per marchiarli.

In paesi come la Spagna o il Messico, attualmente è ancora in corso. L'obiettivo principale di questo è quello di formare un'impronta unica. I simboli dei marchi differivano tra loro, poiché in base al loro bestiame, erano in un modo o nell'altro. Normalmente questi simboli sono determinati da iniziali diverse, a seconda del bestiame che si tratta, inoltre troviamo anche altre risorse grafiche come linee spesse o diverse figure geometriche.

Se mai esci e vai in un campo o in una zona di montagna e vedi un animale con questi segni, significa che fanno parte di un determinato branco e quindi non sono persi. È anche importante sapere che questo atto influisce sulla salute dell'animale stesso e non è del tutto vantaggioso per loro.

1750 - 1870: La Rivoluzione Industriale

Era industriale

Fonte: Wikipedia

Sicuramente avrete sentito parlare della famosa era industriale, un altro degli eventi storici dell'epoca. Ebbene, tutto è sorto nel XVIII e XIX secolo. In Europa e negli Stati Uniti sono stati sviluppati nuovi processi di produzione, questo ha causato grandi benefici per la società poiché la tecnologia è avanzata su larga scala. Con questo, i consumatori di molte aziende sono cresciuti ed è nata la necessità di prendere il controllo del mercato.

In questo momento, il concetto di marchio ha iniziato ad assomigliare a quello che conosciamo oggi, una parola piena di simboli, disegni, forme e colori. Ma l'avventura non finisce qui, visto che avevano bisogno di registrare i marchi. I marchi cominciano ad essere protagonisti nel 1870, quest'anno è stato molto importante per il riconoscimento dei marchi, dal momento che la prima legge sui marchi è stata costituita nel 1881, creata dagli Stati Uniti.

Grazie a questa legge, molte aziende hanno iniziato ad avere molta più proprietà dei loro prodotti e dell'azienda che stavano cercando di promuovere. Inoltre, sono nate le prime gare e con esse i primi benefici.

1870 - 1920: l'era tecnologica

guado

Fonte: Viejas Chapas

Il XX secolo ha portato un aumento dell'evoluzione tecnologica e, con esso, la nascita dei primi marchi: Coca Cola, Ford Motor Company, Chanel e LEGO.

Il progresso della tecnologia non è arrivato solo con la nascita di grandi marchi, ma anche ogni marchio ha offerto prodotti molto avanzati nel loro tempo. Ad esempio, Ford ha offerto la sua prima gamma di auto prodotte negli Stati Uniti, a benzina molto prima di qualsiasi altro marchio automobilistico.

Inoltre, marchi di abbigliamento come Chanel, proponevano i primi abiti da donna, in un'epoca in cui il marchio era rivolto solo agli uomini. Grazie a questi piccoli dettagli, ognuno di questi marchi ha dato una svolta al settore e si è posizionato sul mercato come i migliori marchi dell'epoca.

Durante questo periodo, molti marchi hanno lasciato il segno anche su riviste e giornali. L'era della stampa non solo ha fornito una maggiore diffusione del messaggio, ma ha anche dato l'opportunità a molte aziende di promuovere il proprio prodotto e raggiungere così un gran numero di consumatori.

1920 - 1950: I primi mezzi pubblicitari

Primo supporto

Fonte: National Geographic History

Con il passare del tempo, non solo un progresso nei prodotti era importante, ma anche nei media. Per questo motivo è stata data molta importanza alla radio, essendo stata una delle prime emittenti. All'inizio del XX secolo, le radio venivano utilizzate per promuovere ciascuna delle attività commerciali, ma solo nel 1920, quando divenne molto più popolare. In questo modo hanno ceduto il posto ai primi Annunci, dove il brand è stato promosso attraverso messaggi concisi e semplici.

Uno dei primi spot pubblicitari è nato nel 1922 (New York). Durante questo decennio, non solo sono stati creati spot pubblicitari, ma sono stati realizzati anche i primi programmi. Ma come tutte le evoluzioni è necessario migliorarsi e avanzare a grandi passi, i brand non solo hanno bisogno di essere ascoltati ma anche visti. Ecco perché sono emerse le prime televisioni.

Nel 1941, il marchio di orologi americano, Bulova Watches, annunciò il suo primo spot pubblicitario in televisione, durava 10 secondi e raggiungeva circa 1000 telespettatori. Questi media stavano crescendo e con loro sempre più aziende utilizzavano la televisione per pubblicizzare la propria attività.

Attualmente siamo circondati da migliaia e migliaia di annunci pubblicitari, molti dei quali hanno già una durata fino a 3 o 4 minuti e la riducono a 1 minuto.

1950 - 1960: segni di colore

supporti fisici

Fonte: El Blog del Sereno de Madrid

Passano gli anni e con essi nascono nuovi eventi, uno di questi è senza dubbio la Seconda Guerra Mondiale. Questo storico evento ha portato un'evoluzione nella produzione di nuovi prodotti e nella crescita del mercato. Non solo si sono evoluti media come la televisione, ma sono emersi i primi media offline, cioè fisici che hanno permesso una maggiore diffusione del brand su larga scala: cartelloni pubblicitari, insegne, primi progetti di packaging ecc. Inoltre, è emersa anche la televisione a colori.

Iniziarono così le prime strategie di marketing e la prima gestione del marchio, poiché a poco a poco sempre più consumatori consumavano i prodotti delle diverse aziende, e quindi sempre più concorrenti. Ciò ha permesso l'emergere di nuovi responsabili marketing e, con esso, ciò che conosciamo come pubblicità emozionale o emozionale, dove abbondano i sentimenti e dove si è persuasi con il messaggio e l'immagine.

1960 - 1990: La crescita del marchio

Evoluzione del marchio

Fonte: La Paz Graphics

Come tutti i marchi, nel tempo è stata generata una crescita elevata che ha permesso il progresso. Questi marchi avevano bisogno di nuovi design e persino di riprogettazioni, in questo modo si è ottenuto un risultato che ha permesso di mantenere l'identità del marchio e che la sua estetica sarebbe stata aggiornata e condizionata dal tempo.

Questo processo è rappresentato nel marchio della famosa catena di fast food “McDonald's”. Possiamo vedere a colpo d'occhio come il marchio è stato aggiornato nel tempo. Per questo è stato necessario effettuare uno studio preliminare dei font e delle risorse grafiche. Questo ritmo fornisce un aspetto più rinnovato del marchio, che porta a guadagnare pubblico e mantenere la concorrenza.

Più tardi, negli anni '1990, molte delle attività commerciali locali nelle città hanno cominciato ad avere più risalto, si sono allontanate dal tema di essere semplici scaffali in cui venivano collocati i prodotti, ma hanno iniziato a partecipare alle prime trattative con i rappresentanti dei marchi.

Alcuni dei marchi più rappresentativi degli anni '90 sono stati:

Buffalo London

Questa azienda era dedicata alla produzione e vendita di calzature ed era un marchio molto rappresentativo di famose cantanti e attrici dell'epoca, tra cui Girl Power. Il suo obiettivo principale era senza dubbio quello di esaltare la figura femminile.

Kappa

Kappa è un'azienda che si dedica anche al settore calzaturiero, oltre ad essere un'azienda italiana, una delle icone che più spicca è il suo logo. Ora è stato rinnovato e l'azienda non offre solo prodotti destinati allo sport, ma lo fa anche con uno stile denim.

Tommy Hilfiger

È un'azienda americana dedicata al settore della moda. È uno dei marchi più utilizzati da attrici e modelle famose, tra cui Chiara Ferragni.

Ellesse

Ellesse è un'azienda dedicata alla produzione e vendita di abbigliamento italiano dalla fine degli anni 50. Attualmente, il design dei suoi prodotti e del suo marchio ha preso una piega più moderna e moderna, offrendo così un contesto dell'epoca e mantenendo il design vintage di gli anni '90.

Kangol

È un'azienda che vende cappelli per pescatori. Questi cappelli sono solitamente realizzati in paglia e negli anni '90 sono stati ampiamente utilizzati da rapper e modelle. Attualmente questa azienda lavora con marchi come Dior, Prada o Loewe. Altro dettaglio da evidenziare è senza dubbio che, pur essendo un brand poco formale, è stato utilizzato anche dalla stessa Principessa Diana nel 1983 sulla rivista Vogue.

Come abbiamo visto, molti dei brand nel tempo hanno avuto bisogno di un nuovo design. il design è in continua evoluzione e il suo utilizzo può variare in base a molti fattori. Successivamente, ti trasferiremo nell'ultima volta del viaggio, un tempo che non è lontano da noi e che rimane oggi.

Dal 2000 ad oggi

L'attualità

Fonte: Comounaregadera

Se guardiamo indietro, ci rendiamo conto che ci sono voluti molti progressi tecnologici per raggiungere i grandi marchi che sono venuti e che verranno. Attualmente, progettare un marchio da zero o partire da una riprogettazione è a portata di mano.

All'inizio dell'era digitale, nel 2000, la pubblicità televisiva era molto popolare ed era protagonista rispetto alla pubblicità cartacea. Ciò che ha davvero dato il grande lancio di questa era sono stati senza dubbio i social media. In questo modo, gli inserzionisti avevano molto più potere e i marchi si posizionavano molto meglio sul mercato. (Annunci su Facebook, creazione di poster attraverso i media online, uso di hashtag, progettazione di pagine web, ecc.).

Un chiaro esempio è il marchio Coca Cola, è stata necessaria una riprogettazione del packaging, del marchio stesso e dei valori dell'azienda per realizzare una delle migliori campagne pubblicitarie della storia. Ciò ha permesso al marchio di rimanere in contatto con il suo pubblico di destinazione e la concorrenza è aumentata e ha generato molto più interesse. È anche vero che non tutto è circondato dalla tecnologia, ma anche, a quel tempo, ciò che aiutava di più i grandi marchi era senza dubbio il recensioni dei clienti. Ogni recensione positiva o negativa ha aiutato gli altri a riconoscere l'azienda e ad entrarvi.

Alcuni marchi che si sono distinti negli anni '90/2000 fino ad oggi sono:

Blumarine

Blumarine è un'azienda italiana fondata nel 1977 dall'italiana Anna Molinariy Gianpaolo Tarabini. Il brand si caratterizza per l'utilizzo di valori radicati e per l'utilizzo di colori e texture che evocano e richiamano il mare. Il suo primo negozio è stato aperto nel 1990 e da allora tutte le riviste di moda hanno fatto eco al marchio e ne sono state ispirate.

Attualmente il brand ha deciso di restare con l'obiettivo di rievocare i suoi abiti e tailleur e tornare in passerella. Ciò che caratterizza maggiormente questo marchio è che è stato utilizzato da celebrità come Kendall Jenner o Bella Hadid.

Lanvin

Lanvin è un brand fondato all'inizio del 'XNUMX creato dal designer israeliano Alber Elbaz, attualmente il marchio ha deciso di riapparire e posizionarsi ai vertici del mercato. Ciò ha portato celebrità come Paris Hilton e Bruno Sialelli a comparire in campagne pubblicitarie, pubblicizzando il prodotto.

Conclusione

Come abbiamo potuto apprezzare, durante questo viaggio abbiamo visto una varietà di marchi, tutti hanno mantenuto un contesto storico, ma soprattutto il marchio stesso è sempre stato un insieme di concetti che nel tempo ha assunto un significato. diverso.

I brand ci scelgono molto prima che noi scegliamo loro, in questo modo diventiamo i loro consumatori, e questo processo fa parte della vita e della società che ci circonda. Ora è il momento per te di andare all'estero ed entrare nel mondo dei marchi e scoprire perché lo sono.

¿I Animas?


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.