Il V centenario della morte di Bosco, 500 anni di enigmi

Il giardino delle delizie

Se c'è uno dei classici che ha sempre turbato con i suoi dipinti, questo è sempre stato El Bosco. Posso dire che non esiste un pittore simile che abbia rappresentato il più sporco dell'umano in un modo così speciale. Goya e la sua età nera gli sono vicini in quelle rappresentazioni che sono così oscure e che toccano le profondità del pensiero e della nostra natura umana.

Il Giardino delle Delizie è l'opera più famosa di questo pittore che quest'anno si celebra il quinto centenario della sua morte. Hieronymus Bosch o, in Spagna, conosciuto con il soprannome di El Bosco, ebbe grande popolarità tra i nobili che collezionavano opere d'arte e molti erano divertiti da quei grotteschi e caratteristici paesaggi umani.

Già nel XVI secolo prendeva il nome di l'inventore dei mostri comici e nel diciannovesimo secolo divenne noto come Der Lustige (l'umorista). Un pittore che festeggia i 500 anni dalla morte e che è conosciuto piuttosto poco nonostante il gran numero di teorie di cui sia la sua vita che il suo lavoro sono stati l'obiettivo.

Bosch

Il significato nascosto delle sue opere è stato cercato, proprio come psicologi, teologi e altri hanno cercato di far luce su questo enigmatico pittore. Per Filippo II, Bosco Sono riuscito a dipingere gli uomini come sonoPer Antonin Artaud, era quello che meglio sapeva come mostrare la parte più oscura dell'essere umano, mentre nella cultura popolare di questi decenni e dei decenni precedenti, ha usato le sue immagini per illustrare le copertine degli album di grandi del rock come Deep Purple .

The Bosco

Un pittore che sta attraversando il passaggio dal tardo medioevo al rinascimento, un momento di grandi tensioni ideologiche e religiose. I suoi dipinti riflettono parte di quei conflitti in cui ci troviamo la corruzione interna del clero, le sette eretiche e le nuove correnti del pensiero neoplatonico. Dobbiamo anche ricordare che era un pittore medievale che mette il meglio della sua arte al servizio delle idee del cliente; il pittore di quel tempo era guidato dalle istruzioni dell'appaltatore.

Ritratto di Bosco

Al Museo del Prado, da ieri, ha avviato una delle tre mostre dedicate agli olandesi degli eventi commemorativi del V centenario. La mostra 'El Bosco' sarà suddivisa in cinque sezioni incentrate sui suoi dipinti per avere una sesta dedicata ai suoi disegni. Rimarrà lì fino all'11 settembre, quindi hai tempo di fermarti a vedere il pennello e quelle opere di questo grande pittore classico in situ.


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati con *

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.