Web design: reattivo o adattivo? Qual è la differenza?

tu rispondi

Uno degli obiettivi più importanti nella progettazione di pagine web è garantire una buona accessibilità e usabilità per i nostri utenti. Questa è una componente estremamente importante poiché determinerà in larga misura cose importanti come l'afflusso di visitatori e, cosa più importante, la forza dei legami che i nostri visitatori rafforzano con il nostro sito o la loro fedeltà. È necessario che diamo uno sguardo al panorama che esiste oggi: i tipi di pagine che esistono, i tipi di utenti che ci sono e i tipi di accesso e le modalità di navigazione che ci sono. Esiste un'ampia varietà di percorsi di accesso a Internet: computer, tablet, smartphone… Quindi le pagine che progettiamo devono essere completamente preparate per essere riprodotte su uno qualsiasi di questi dispositivi.

Si parla molto design adattivo e design reattivo. Ma questi concetti alludono alla stessa cosa? Non proprio, ci sono differenze tra i due concetti ed è necessario che li conosciamo e scegliamo l'alternativa più adatta a noi in ogni caso.

Poiché esistono diversi tipi di dispositivi e risoluzioni dello schermo, è necessario per noi essere in grado di creare siti riproducibili in tutti i formati. È un dato di fatto che una percentuale sempre più alta accede alla rete tramite dispositivi portatili, anche se paradossalmente molte aziende ignorano questo dettaglio così che l'esperienza di questi utenti quando visitano le loro pagine è di qualità molto inferiore e quindi abbandonano la pagina e ottengono anche un cattiva impressione dell'attività in questione. Ci sono problemi come un tempo di caricamento troppo lungo quando si cerca di riprodurre pagine desktop su dispositivi portatili, problemi durante il download e, naturalmente, a livello visivo con la deformazione o distorsione del design originale. Per evitare questi problemi, è fondamentale che sviluppatori e designer osservino come avviene il consumo di informazioni online e cerchino di adattarsi al nuovo modus operandi perché altrimenti significherà solo un ritardo e una possibile perdita di visitatori.

Le alternative che esistono oggi per affrontare questa sfida sono le modalità del responsive design e dell'adaptive design. Entrambi sono costituiti da un sistema di programmazione abbastanza flessibile che prevede la possibilità di riorganizzare o addirittura ristrutturare gli elementi che compongono la nostra architettura web in modo che finalmente si adattino a qualsiasi risoluzione dello schermo e offrano un risultato accattivante e funzionale. Tuttavia, entrambe le modalità non significano la stessa cosa.

Quali sono le differenze tra design reattivo e design adattivo?

  • Web design reattivo quello che fa è adattare la struttura del web e tutti gli elementi che lo compongono allo schermo del nostro dispositivo per offrire un ottimo aspetto visivo e una grande funzionalità secondo criteri come l'accessibilità al contenuto. Per ottenere questo tipo di progettazione, è necessario stabilire valori di dimensioni proporzionali invece di stabilire valori fissi. Le media query e i fogli di stile vengono utilizzati per ottenere un buon risultato. In molti casi è necessario modificare la struttura originale per favorire l'esperienza dell'utente modificando ad esempio il layout dei menù ed evitando scroll eccessivi o modalità di accesso scomode da altri dispositivi.
  • Web design adattivo non è flessibile come il responsive design. Questo utilizza dimensioni dello schermo fisse e preimpostate per ciascuno dei dispositivi in ​​cui verrà riprodotta la pagina in questione. Una delle sue virtù potremmo dire è la sua semplicità a livello di codice. La creazione di un design adattivo non richiede tanto codice quanto un design reattivo.

Per tutto questo, la cosa più consigliabile è optare per un responsive web design e anche se potrebbe volerci più tempo nel suo sviluppo, finalmente ne vale la pena, tutto questo se vogliamo essere noi a prenderci cura dell'integrale sviluppo del nostro sito web. Nel caso in cui stiamo lavorando attraverso un template con CMS come WordPress dobbiamo assicurarci che il nostro template sia responsive (le proposte più attuali lo sono quindi è facile trovarle), in questo modo non sarà necessario lavorarci sopra. Non è una nuova tendenza, tieni presente che siamo immersi in un sistema multipiattaforma ormai da molti anni, anche se è qualcosa che molte aziende non tengono in considerazione, è importante poiché la qualità e il numero dei clienti varieranno notevolmente .


Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Un commento, lascia il tuo

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.

  1.   Diego Lucero suddetto

    Per quanto ne so, i due concetti sono Esattamente gli stessi, non esiste una traduzione letterale di cosa wav significhi responsive web design cosa cerca Questa tecnica in spagnolo si traduce in adattivo web design Cosa si adattano esattamente gli elementi a schermi di diverse dimensioni, d'altra parte , il web design fluido è ciò che dice questa nota, affermando il web design adattivo. Non confondere i lettori il web design adattivo e il web design reattivo hanno lo stesso significato