Formati di immagine

Formati di immagine

Sicuramente più di una volta, navigando in Internet, ti sei imbattuto in uno strano formato di immagine che non ti suonava familiare. In effetti, relativamente di recente potresti vedere un cambiamento poiché nel motore di ricerca di immagini (Google, ad esempio), durante il salvataggio di un'immagine, non compariva il tipico jpg, ma webp. E ci sono molti formati di immagine.

ma, Cosa sono realmente i formati di immagine? Quanti ce ne sono? E quali sono i più utilizzati? Oggi ne parliamo.

Cosa sono i formati di immagine?

Formati di immagine

I formati di immagine, noti anche come formati di file immagine, sono in realtà un modo per memorizzare i dati dell'immagine senza doverli comprimere, sebbene possano anche essere compressi (perdendo o meno dati) o trasformati in vettori.

In breve, stiamo parlando di un file file digitale contenente tutti i dati necessari alla formazione dell'immagine. Questi dati sono pixel, poiché è ciò che compone l'immagine. Ciascuno di questi pixel è costituito da una serie di bit utilizzati per determinare il colore della foto. Quindi, a seconda dei formati, un'immagine può avere una qualità migliore o peggiore.

Tipi di formati di immagine

Tipi di formati di immagine

Su Internet puoi scoprire che i più comuni sono solitamente jpg (o jpeg), png o gif. Ma veramente ci sono molti tipi di formati di immagine. Parliamo di ognuno di loro.

JPEG, JPG, JFIF

JPEG, JPG, JFIF

Di questi acronimi, quello che conoscerai di meno è senza dubbio l'ultimo, visto che non è comune vederlo su Internet. Tuttavia, tutti lo fanno riferimento a Join Photograghic Experts Group, o cosa è lo stesso: JPEG.

Quello che fa è comprimere un'immagine perdendo dati in modo che pesa meno. Per fare ciò, utilizza il formato JFIF, JPEG File Interchange Format.

Questo è il più comune su Internet ed è caratterizzato da quanto segue:

  • Scala di grigi a 8 bit
  • Immagini a colori a 24 bit (utilizza 8 bit per ogni colore RGB (verde, rosso e blu).
  • Compressione con perdita (che aiuta a renderlo più piccolo).
  • Degrado generazionale. Cioè, quando vengono modificati e salvati molte volte perdono più qualità.

C'è una variante, che si chiama JPEG 2000. Ciò può consentire la compressione con o senza perdita di dati, ma non è ben noto. In effetti, viene utilizzato solo nel montaggio e nella distribuzione di film, ad esempio per i fotogrammi dei film.

TIFF

Questo nome si riferisce a Formato file immagine con tag. È un formato flessibile che puoi trovare su Internet come TIFF o TIF, sebbene non sia molto comune.

Tra le caratteristiche che ha ci sono:

  • Essere in grado di salvare immagini compresse con o senza perdita.
  • Non essendo supportato in molti browser web.
  • Gestisce spazi colore specifici, come CMYK, OCR, ecc.

GIF

Formati di immagine GIF

GIF, o Graphics Interchange Format, è uno dei file formati di immagine più utilizzati per creare principalmente animazioniin quanto consente di registrare file di immagini in movimento. Tuttavia, non è esclusivo per questo, viene utilizzato anche per le foto perché comprime senza perdite, cioè mantiene la qualità della foto che salvi in ​​questo formato.

È caratterizzato dal salvataggio di tutte le informazioni sull'immagine in una tabella chiamata tavolozza dei colori, che può contenere fino a 256 colori (8 bit). Sono facili da trovare su Internet, anche se vengono utilizzati principalmente per loghi (senza uno sfondo per renderlo trasparente), animazioni, clip art, ecc.

PNG

Formati di immagine PNG

PNG sta per Grafica di rete portatile. All'inizio non era molto utilizzato (stiamo parlando del 1996) ma ora puoi facilmente trovare immagini e foto con questo formato.

Tra le sue caratteristiche ci sono:

  • Comprimi le immagini senza perdite.
  • Offri una profondità di colore fino a 24 bit (e non gli 8 ad esempio dei precedenti).
  • Ha un canale alfa a 32 bit.
  • Non può generare animazioni.
  • Accetta lucidi e semitrasparenti.

Ora Viene utilizzato principalmente su immagini e grafici, loghi, foto senza perdita di dati, foto che richiedono trasparenza, ecc.

Formati di immagine PNG

PSD

PSD

Questo tipo di file è quello che viene creato tramite Adobe Photoshop (o simili). Viene utilizzato per salvare l'immagine con la massima qualità, senza perdere nulla del lavoro che sei stato in grado di fare. Ha infatti il ​​vantaggio di salvare tutto, comprese le modifiche, i livelli, gli stili ... in modo tale da poterlo ritoccare in un secondo momento se non si è convinti del risultato senza dover ricominciare da capo.

Il problema è che non puoi vedere questi tipi di immagini nel browser, possono essere aperti solo con un programma specifico per farli funzionare.

WebP

Il formato immagine WebP è uno dei meno conosciuti, ma ora puoi facilmente trovare su Internet. È un formato che salva l'immagine con compressione dissipata e senza perdita di immagine.

L'obiettivo di questo formato è di avere una dimensione più piccola in modo che, in cambio, carichi la pagina più velocemente. Progettato da Google, si basa sul framework intra-encoding VP8 e dispone di un contenitore RIFF.

SVG

Formati di immagine SVG

SVG sta per Grafica vettoriale scalabile. È uno dei formati di immagine che trovi totalmente gratuito e che si concentra principalmente sui vettori. Come con GIF, puoi anche animare alcune immagini con SVG. L'unico problema è che questi tipi di formati non sono ancora supportati dai social network.

Formati immagine: EPS

EPS è Encapsulated PostScript. In realtà, è un formato che creato Adobe, ma il PDF lo stava sostituendo.

Formati immagine: BMP

formati di immagine

BMP sta per Bitmap. È uno dei formati che hanno iniziato ad essere utilizzati negli anni '90 e che si sono caratterizzati per la realizzazione compressioni con pochissima perdita di qualità, il che implicava che la dimensione di ogni file fosse abbastanza grande (in cambio la risoluzione dell'immagine era perfetta).

Oggi è ancora utilizzato, anche se meno di altri formati di immagine.

Altri formati meno conosciuti

Oltre a quelli che abbiamo menzionato, ci sono altri formati di immagine meno conosciuti, ma professionalmente possono essere utilizzati di più. Questi sono:

  • Exif. È un file simile a JPEG e TIFF. Quello che fa è registrare più dati come le impostazioni della fotocamera, quando è stata scattata la foto, il grado di esposizione, ecc.
  • PPM, PGM, PBM o PNM.
  • HEIF.
  • CRUDO.
  • AI.

Il contenuto dell'articolo aderisce ai nostri principi di etica editoriale. Per segnalare un errore fare clic su qui.

Puoi essere il primo a lasciare un commento

Lascia un tuo commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

*

*

  1. Responsabile dei dati: Miguel Ángel Gatón
  2. Scopo dei dati: controllo SPAM, gestione commenti.
  3. Legittimazione: il tuo consenso
  4. Comunicazione dei dati: I dati non saranno oggetto di comunicazione a terzi se non per obbligo di legge.
  5. Archiviazione dati: database ospitato da Occentus Networks (UE)
  6. Diritti: in qualsiasi momento puoi limitare, recuperare ed eliminare le tue informazioni.